Mangiare

Mangiare patate su base regolare può aumentare il rischio di diabete di tipo 2

patata

patata

Il consumo di patate è associato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2 (T2D), secondo uno studio pubblicato online il 17 dicembre  scorso su Diabetes Care.

Isao Muraki, MD, Ph.D., del Centro per il Cancro e prevenzione delle malattie cardiovascolari di Osaka in Giappone, e colleghi hanno valutato i dati da tre coorti per esaminare la correlazione tra il consumo di patate e T2D. Il consumo di patate è stata valutata su 70,773 donne del Nurses ‘Health Study, e 87,739 donne dal Nurses’ Health Study II, e 40,669 uomini dal Professional Health Study follow-up.

I ricercatori hanno identificato 15,362 nuovi casi di diabete tipo 2 su 3,988,007 persone-anno di follow-up. Dopo aggiustamento dei dati per valri demografici, stile di vita e fattori dietetici, c’è stato un elevato rischio di diabete tipo 2 per una maggiore consumo di patate totali (tra cui al forno, bollito, o purè di patate e patatine fritte), con un hazard ratio per analisi aggregata di 1.07 (95 per cento intervallo di confidenza [CI], 0,97-1,18) per due a quattro porzioni / settimana e 1.33 (95 per cento CI, 1,17 a 1,52) per sette o più porzioni / settimana, rispetto a meno di una porzione / settimana. Per ogni tre porzioni / settimana, gli hazard ratio analisi aggregata per T2D erano 1,04 (95 per cento CI, 1,01-1,08) per le patate al forno, bollite o purè e 1.19 (95 per cento CI, 1,13-1,25) per le patatine fritte.

“Una maggiore consumo di patate, specialmente patatine fritte, è stato associato ad un rischio più elevato di T2D, indipendentemente da indice di massa corporea e altri fattori di rischio”, gli autori scrivono.