Terapie

Minore rischio d’ipoglicemia notturna con l’impiego d’insulina degludec rispetto a glargine

insulinaI pazienti con diabete di tipo 2 votati all’insulina degludec (Tresiba) ha visto tassi significativamente più bassi di ipoglicemia notturna rispetto agli stessi con assegnata insulina glargine (Lantus), secondo i risultati di una meta-analisi pubblicata nell’ultimo numero di Diabetic Medicine.

All’interno di una meta-analisi di sei studi randomizzati controllati in 3a fase che attraversa un arco di tempo da26 a 52 settimane, i ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con diabete di tipo 1 con assegnata insulina degludec hanno visto tassi simili o più bassi rischio ipoglicemia notturna rispetto a coloro a cui era stata prescritta l’insulina glargine, e che i tassi più bassi persistevano attraverso diverse definizioni di ipoglicemia.

Lo studio ha incluso i pazienti con diabete di tipo 2 a regime insulinico basale-boli, ha affermato Simon Heller, MD professore di diabetologia presso l’Università di Sheffield, Regno Unito, e assieme ai suoi colleghi hanno analizzato i dati provenienti da tre studi, tra cui pazienti insulino-naive (mai trattati con insulina) con diabete di tipo 2 e combinato con altri due studi inclusivi dei pazienti con diabete di tipo 1. I ricercatori hanno analizzato i tassi di ipoglicemia notturna per tutto il periodo di prova di base, il “periodo di mantenimento” e solo il periodo della proroga (quattro prove ebbero a continuare per un periodo più lungo). In tutti i test, il periodo notturno è stata definita come 0:01-5:59; ricercatori hanno anche eseguito analisi di sensibilità per gli episodi ipoglicemici confermati accompagnata da sintomi ed eventi sintomatici con una glicemia inferiore a 54 mg/dl. Ricercatori hanno aggiunto 2 ore alle estremità del periodo notturno in analisi separate per testare la robustezza dei risultati.

I partecipanti con diabete di tipo 2 insulina naive hanno avuto costantemente tassi più bassi di ipoglicemia notturna con insulina degludec rispetto a insulina glargine, tramite una differenza che varia tra i 5 e i 44 episodi per 100 pazienti-anno di esposizione, a seconda della definizione di ipoglicemia e la periodo notturno.

Tuttavia, quando i ricercatori aggiungono 2 ore del mattino alla definizione notturna, il rischio era inferiore solo durante il periodo di mantenimento. I partecipanti hanno sperimentato da due a tre volte l’aumento del numero di episodi di ipoglicemia durante i tempi estesi fascia oraria 0:01-07:59, secondo i ricercatori.

“Questo potrebbe essere il risultato di un tempo di veglia prolungato, o terapie per il diabete prese a colazione”, hanno scritto i ricercatori.

I partecipanti con diabete di tipo 2 in terapia basale-boli hanno anche sperimentato una minore incidenza di ipoglicemia con insulina degludec rispetto a insulina glargine in tutte le definizioni di ipoglicemia, i tempi e periodi di prova, con una sola eccezione nel corso del periodo di mantenimento.

I partecipanti con diabete di tipo 1 sia con insulina degludec o glargine hanno sperimentato tassi simili di ipoglicemia durante il periodo di prova di base; tuttavia, il rischio era significativamente più basso per quelli a cui era stata assegnata l’insulina degludec durante il periodo di mantenimento nel tempo di scala 0:01-5:59 per la segnalazione d’ipoglicemia. Il gruppo di prova con diabete di tipo 1 ha visto anche il rischio significativamente ridotto di ipoglicemia in tutte le definizioni, tra le ore 21:59 e 05:59.

I ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti ai test con un periodo di tempo prolungato hanno avuto un rapporto di rischio più favorevole con insulina degludec rispetto alla glargine a differenza degli stessi nel periodo di prova di base.

“Questo suggerisce che la riduzione del rischio con l’insulina degludec ha un effetto prolungato e può migliorare nei pazienti il grado di apprendimento nell’ottimizzazione all’uso di questa nuova insulina”, hanno scritto i ricercatori.

E con questo pezzo vi auguro anch’io buon anno 2016 e buona glicemia, insulina a tutti!