Emozioniamo

Lo psichiatra discute su come ristabilire l’equilibrio della vita attraverso le neuroscienze e la comprensione di sé

dr. Peter Whybrow - Credit: Rebecca Cabage / UCLA

dr. Peter Whybrow – Credit: Rebecca Cabage / UCLA

Il dr. Peter Whybrow, è un autore di best-seller e direttore dell’Istituto di Neuroscienze Semel e Human Behavior della UCLA, non è sorpreso dalla elevata incidenza di obesità, diabete, depressione e altre malattie negli Stati Uniti oggi. Il rinomato psichiatra dell’UCLA e endocrinologo ritiene che una mancata corrispondenza stressante tra biologia evoluta del cervello e la seducente cultura odierna stimolata dalla domanda ha aiutato a modellare il comportamento e le abitudini che vanno a destabilizzare una vita ben vissuta. Libri molto popolari di Whybrow, tra cui il suo ultimo, “The Brain Well-Tuned,” esplorano questa discrepanza culturale e come possiamo ristabilire l’equilibrio della vita attraverso le neuroscienze e la comprensione di sé. L’autore ne ha parlato nell’UCLA Magazine con la giornalista Mary Dayli in questa conversazione gentilmente concessami e che ho il piacere di condividere con i lettori de: Il Mio Diabete.

Come sei arrivato a studiare sia endocrinologia che psichiatria?

Dopo che avevo finito la scuola di medicina, sono andato a lavorare presso l’University College Hospital di Londra, nella cura per i pazienti con cancro alla tiroide. Nel corso del trattamento, gli individui sono stati privati ??di ormone tiroideo, e molti erano diventati gravemente depressi e incapaci di pensare in modo creativo. Questo mi ha incuriosito, così poi ho studiato psichiatria specificamente per esplorare il rapporto tra ormoni tiroidei, la funzione del cervello e il comportamento.

Un endocrinologo che cosa trae dai nostri livelli di stress di oggi?

Il sistema dello stress del corpo è un meccanismo di sopravvivenza antico progettato per le emergenze acute che ci mettono in pericolo di vita. Il cervello rilascia un flusso di ormoni che si spengono quando il pericolo passa. Ma lo stress cronico è diverso. Stiamo sintonizzati, causa la tecnologia implacabile basata sulla domanda posta dalla vita moderna, con allarmi che attirano l’attenzione e la chiamata 24/7. Lo stress cronico ha un grande impatto sulla nostra fisiologia. La società più diventa stressante e competitiva, più siamo vulnerabili ad ansia e depressione. Qui all’UCLA, per esempio, circa il 20 per cento degli studenti del campus consulta i servizi sanitari manifestando tali condizioni.

Cosa ti ha spinto a iniziare a scrivere libri popolari?

Io sono un convinto sostenitore che occorre aiutare i pazienti a gestire meglio la loro malattia attraverso l’auto-comprensione. Ecco come ho iniziato: scrivendo l’esperienza del paziente. Più tardi, mi sono affascinato su come l’intuizione culturale e comportamentale potrebbe aiutare a prevenire molte delle nostre piaghe stimolate dall’affluenza, tra cui alcune disabilità mentali, che vanno a interrompere le funzioni cerebrali, invadendo anche l’autocomprensione.

Che cosa si intende per “invadere il sé”?

Se si dispone di una malattia fisica, si può essere un po’ oggettivi a questo proposito, ma quando una malattia perturba il cervello e l’auto-comprensione, distorce il modo di vedere il mondo. Il materiale, la cultura orientata al mercato che abbiamo costruito rafforza la distorsione in alcuni casi.

In che modo la cultura può farlo?

L’America è una nazione di immigrati. Siamo una cultura guidata dall’ottimismo e focalizzata sulla realizzazione individuale. Tale comportamento, radicato nel cervello antico, è anche il motore del mercato: ricompensa a breve termine, l’ambizione sociale e il fascino della novità. Questo zelo migrante porta grande vantaggio materiale, ma anche appesantisce lo stress, la miopia della sfida per il futuro, e il debito crescente. Questa mancata corrispondenza può spazzare dei lati migliori di noi stessi causa l’eccesso di affluenza nella domanda.

Quindi non sei sorpreso dal tasso di crescita di malattie come l’ansia, il diabete e l’obesità negli Stati Uniti?

Affatto. Si tratta di malattie del benessere. E ‘una sfida seria. I bambini obesi saranno adulti obesi, e la loro vita sarà più breve rispetto ai loro genitori, per non parlare dei costi per la salute pubblica. Ricchezza e povertà sono entrambi dirompenti. E non è solo il materialismo: affluenza di informazioni, opportunità e possibilità di scelta può spingerci fuori equilibrio.

Come funziona il desiderio di gratificazione immediata nel farci del male?

Una cultura del benessere nutre la ricompensa immediata. Prendiamo in considerazione il debito o la tecnologia. A ognuno permette di godere il presente senza pensare a lungo termine le conseguenze. Gli acquisti con carta di credito attenuano la nostra consapevolezza del vero costo. L’assistenza tecnologica permette ora essenzialmente al 50 per cento degli americani di evitare l’esercizio fisico.

Che gioco ha questo nel ricorso al credito?

Il credito facile cambia il nostro modo di pensare il rischio. Il credito rende possibile oggi ciò che altrimenti deve essere rinviato. Pensiamo poco su come il credito sarà rimborsato in quanto il nostro obiettivo è immediato, e diamo il futuro come scontato. Così siamo sedotti, portando un debito crescente che alla fine diventa insostenibile.

L’antico cervello istintuale vive nel presente emotivo e vuole le cose in questo momento. La corteccia frontale e laterale umana, più recentemente si è evoluta, valuta meglio il rischio a lungo termine. Idealmente, le due sono in equilibrio tra loro.

Da dove viene abbattuto l’equilibrio?

A fronte della tentazione. Siamo bravi a valutare il rischio se il pericolo è evidente e immediato. “Devo attraversare Wilshire Boulevard quando c’è un blocco nel traffico, ma il semaforo è contro di me?” No: la ragione prevale. Ma quando la scelta è meno acuta, e la ricompensa desiderabile – “Devo attenermi alla mia dieta o mangiare il dolce al cioccolato?” – Il cervello emotivo vince sulla ragione ogni volta.

Quali sono i lati negativi della tecnologia personale?

Usate con saggezza, le tecnologie personali possono essere un beneficio fantastico. Esse sono anche convincenti. Il pericolo per gli incauti risiede nella dipendenza, fino a quando la brama successiva la fa diventare simile a una cocaina elettronica. Più in generale, mi preoccupo che nonostante sia celebrato come una rivoluzione sociale, le nostre applicazioni e gadget strabilianti possono impoverire lo sviluppo della comprensione empatica. Mentre radicata nella biologia, la valorizzazione di tali capacità intuitive vitali è il fondamento culturale del carattere sociale e di fiducia dei costumi acquisiti e questi sono le maglie che tengono unita la società e promuovono un autentico progresso umano. Credo che queste qualità mentali continueranno ad essere costruite su un intimo d’esperienze personali piuttosto che la sua distillazione attraverso la tecnologia personale.

Come si fa a gestire lo stress nella nostra vita?

Cerco di mettere in pratica quello che predico. Vado a lavorare. Quando sono in ufficio o ad un incontro, il mio telefono è spento. Lo porto in viaggio e uso solo per chiamare. Occorre dare la priorità alla propria vita. Quando squilla si è costretti a rispondere. Spegnendolo quando non è richiesto di riduce lo stress di distrazione e aiuta a focalizzare l’attenzione. Trovo che sia un adattamento essenziale per la vita moderna. E siccome sono un endocrinologo le racconto per concludere un aneddoto relativo a un mio giovane paziente diabetico. Viene a trovarmi per raccontarmi come va con la malattia e mentre parlava era tutto un suono e vibrazione: gli alert della pompa, sensore glicemico, glucometro, della app dello smartphone e non so che altro. Insomma David tu dormi la notte? Gli chiesi. La risposta fu un ni. Dunque la prima regola per star bene con il diabete e la vita è dormire regolare, perché se non mettiamo a riposo mente e corpo poi si sta male. E anche tutti gli ordigni elettronici che hai addosso vanno spenti fino al giorno dopo – Holter glicemico escluso. Ecco il sunto per combattere e ridurre lo stress.