Batticuore

Una indagine rivela che il 73% delle persone avverte i sintomi dell’ictus, ma non agisce per farsi soccorrere

surveyfinds7

Tac cerebrale

Fino a tre ore dopo che una persona sperimenta il primo sintomo quel tratto viene spesso definito come “finestra d’oro.” Questo è il periodo di tempo in cui i medici dicono è di fondamentale importanza per i pazienti di arrivare a un ospedale per ricevere cure mediche, al fine di ripristinare il flusso di sangue al cervello e ridurre al minimo o invertire i danni.

Ma un nuovo sondaggio nazionale svolto dal Ronald Reagan UCLA Medical Center dimostra che i pazienti più giovani, quelli sotto i 45 anni, possono sottovalutare l’urgenza dei sintomi di un ictus e la maggior parte riferisce di ritardare la decisione di andare al pronto soccorso dell’ospedale per chiedere aiuto.

“Il trattamento tempestivo per l’ictus è probabilmente più importante che per quasi qualsiasi altro problema medico”, ha detto David Liebeskind, MD, professore di neurologia, e Direttore ambulatoriale del Programma Ictus neurovascolari e direttore del Neurovascular Imaging Research core al Ronald Reagan UCLA Medical Center. “C’è una finestra molto limitata per iniziare il trattamento perché il cervello è molto sensibile alla mancanza di flusso di sangue o al sanguinamento, ed i pazienti più attendono e più devastanti sono le conseguenze.”

Ricercatori hanno chiesto a più di un migliaio di persone a livello nazionale ciò che sarebbero propensi a fare entro le prime tre ore in cui sperimentano debolezza, intorpidimento, difficoltà a parlare o difficoltà a vedere, tutti i sintomi più comuni di un ictus. Tra quelli sotto 45 anni, solo uno su tre afferma che con ogni probabilità si recherebbe in ospedale. Un incredibile 73 per cento dice di aspettare per vedere se i loro sintomi sono migliorati.

Dr. David Liebeskind esamina e Jennifer Reilly a Ronald Reagan UCLA Medical Center. Reilly ha avuto un ictus all'età di 27 anni, un numero crescente di pazienti di età inferiore ai 45anni negli Stati Uniti ed Europa, subisce un ictus. Credit: Ronald Reagan UCLA Medical Center

Dr. David Liebeskind esamina e Jennifer Reilly a Ronald Reagan UCLA Medical Center. Reilly ha avuto un ictus all’età di 27 anni, un numero crescente di pazienti di età inferiore ai 45anni negli Stati Uniti ed Europa, subisce un ictus. Credit: Ronald Reagan UCLA Medical Center

“Questo è un problema reale”, ha detto Liebeskind. “Abbiamo bisogno di educare i giovani circa i sintomi dell’ictus e convincerli dell’urgenza della situazione, perché i numeri sono in aumento.”

Nel 2007, Jennifer Reilly era una di loro. “Mi sono svegliata nel mezzo della notte con un mal di testa lancinante”, ha detto Reilly. “Avevo 27 anni, ero abbastanza attiva, abbastanza sana e non soggetta a mal di testa. Ho pensato che fosse un fatto strano quel che è successo.”

Dopo l’arrivo al lavoro quel giorno, Reilly ha condiviso la sua storia con un collega di lavoro che ha insistito affinché andasse in ospedale immediatamente. Reilly finalmente finisce al Ronald Reagan UCLA Medical Center, dove Liebeskind le disse che aveva avuto un ictus. “Ero molto scettica”, dice Reilly. «Non ho avuto nulla di quello che fa pensare ai sintomi di un ictus, né la forma della classica descrizione di un paziente con ictus. Avevo 27 anni e in buona salute.”

Reilly dice che settimane prima del mal di testa, avrebbe anche sperimentato un intorpidimento periodico in una delle sue mani. “Metà mano sinistra restava insensibile, per qualche secondo”, ha detto, “ma, ancora una volta, non diedi peso alla cosa e  feci come se nulla fosse.”

I test hanno dimostrato che l’ictus di Reilly è stato causato da una malattia rara chiamata moyamoya  caratterizzata dalla progressiva occlusione delle arterie più importanti che portano sangue al cervello.. La maggior parte dei pazienti, circa il 85 per cento, subiscono il cosiddetto ictus ischemico, nel corso della quale le arterie nel cervello si bloccano, tagliando l’ossigeno.

L’ictus ischemico può succedere a chiunque a qualsiasi età, ed è spesso associato a ipertensione arteriosa, diabete, il fumo e l’obesità. “La buona notizia sta nel compiere dei passi utili per ridurre il nostro rischio di ictus”, ha detto Liebeskind. Una dieta sana ed esercizio fisico regolare, così come non fumare e limitare il consumo di alcol, hanno tutti dimostrato di ridurre il rischio di ictus.

Altrettanto importante, oltre a sapere cosa si mette ad elevato rischio di ictus, sono i sintomi quando li avverti. I medici si spingono a conoscere i segni Dell’ictus e di agire “VELOCEMENTE”.

Se voi o qualcuno nella tua zona ha questa esperienza:

Faccia intorpidita e cadente        

Debolezza delle braccia o difficoltà nel linguaggio è il momento di chiamare il 911 (118)

“Che ci crediate o no, è dell’ordine di minuti o lo spazio urgente e necessario per rivolgersi al medico”, ha detto Liebeskind. “Semplicemente non c’è tempo da aspettare. E ‘un messaggio che abbiamo chiaramente bisogno di far raggiungere ai giovani in modo più efficace.”