Mangiare e bere

Flavonoidi da frutta e verdura possono aiutare a mantenere il peso

Adv
frutta

Mangiare frutta e verdura che contengono alti livelli di flavonoidi, come mele, pere, e bacche, può essere associato ad un minore aumento di peso, suggerisce i risultati di uno studio pubblicato oggi su BMJ.

I flavonoidi sono dei composti naturali presenti in frutta e verdura. Questi sono stati collegati alla perdita di peso, ma la maggior parte degli studi hanno esaminato un particolare flavonoide trovato nel tè verde, e sono stati per lo più limitati a piccoli campioni.

Così un team di ricercatori ha esaminato l’associazione tra l’assunzione di sette sottoclassi di flavonoidi e cambiamento di peso in un ampio studio su 124,086 uomini e donne della durata di più di 24 anni negli Stati Uniti.

I partecipanti facevano parte di tre studi di coorte prospettici: Health Professionals Follow Up Study, ‘Health Study e Nurses’ Nurses Health Study II.

I partecipanti auto-riferivano il loro peso, abitudini di vita, e tutte le malattie di recente diagnosi tramite questionario, ogni due anni, tra il 1986 e il 2011. Inoltre, oltre a dieta e stile di vita ogni quattro anni.

I risultati hanno rivelato che un aumento del consumo di sottoclassi di flavonoidi è associato ad un minor aumento di peso.

L’associazione più grande è stato trovato per antociani, polimeri di flavonoidi, e flavonoli: ogni maggiore deviazione standard di assunzione giornaliera era associata da 0.07 a 0.10 kg di minor peso acquisito in quattro intervalli di anno.

Mirtilli e fragole erano la principale fonte di antociani, e flavanoli e i loro polimeri derivano essenzialmente da tè e mele. Succo d’arancia e arance sono state le principali fonti di flavanone e flavoni, e tè e cipolle erano le principali fonti di flavonoli.

Lo studio è stato adeguato per una serie di fattori dietetici e di stile di vita che potevano aver influenzato i risultati, come l’abitudine al fumo e attività fisica. I risultati sono stati coerenti tra uomini e donne, e tra le diverse età.

Questo è il primo studio per esaminare l’associazione tra consumo di sette sottoclassi flavonoidi e l’aumento di peso in un campione di grandi dimensioni.

È uno studio osservazionale così nessuna conclusione definitiva può essere fatta, e diverse limitazioni esistono a causa della progettazione dello studio. Tuttavia, gli autori dicono che i risultati “possono aiutare a raffinare precedenti raccomandazioni dietetiche per la prevenzione dell’obesità e delle sue potenziali conseguenze.”

Inoltre, si dice che la perdita o il contenimento di piccole quantità di peso può ridurre il rischio di diabete, cancro, ipertensione e malattie cardiovascolari. Essi aggiungono che i risultati possono fornire orientamenti sui quali frutta e verdura scegliere per prevenire l’aumento di peso.

Negli Stati Uniti, ad esempio, la maggior parte delle persone consumano meno di una tazza di frutta, e meno di due tazze di verdura al giorno. Gli autori suggeriscono che questo dovrebbe essere aumentato a due tazze di frutta, e due tazze e mezzo di verdure.

Inoltre, aggiungono che le persone possono essere in grado di massimizzare i benefici per la salute del consumo di frutta e verdura, scegliendo quelle con alti livelli di flavonoidi, come mele, pere, e bacche.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: