Complicanze varie/eventuali

ll dolore cronico cambia il nostro sistema immunitario

Il dolore cronico può riprogrammare il modo in cui i geni funzionano nel sistema immunitario, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università McGill pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Pubblicità

“Abbiamo scoperto che il dolore cronico cambia il modo in cui il DNA è segnato non solo nel cervello, ma anche nelle cellule T, un tipo di globuli bianchi essenziale per l’immunità”, dice Moshe Szyf, docente presso la Facoltà di Medicina alla McGill. “I nostri risultati evidenziano l’impatto devastante del dolore cronico su altre importanti parti del corpo, come il sistema immunitario.”

Il dolore cronico – dolore che dura sei mesi o più, è una delle più comuni cause di disabilità in tutto il mondo. Nonostante gli enormi sforzi per trovare nuove strategie terapeutiche, tuttavia, trattamenti efficaci per il dolore cronico rimangono elusivi.

Utilizzando modelli di ratto

Il team tutto McGill ha esaminato il DNA dei cervelli e globuli bianchi dei ratti, utilizzando un metodo che ha mappato una marcatura del DNA: una sostanza chimica chiamata gruppo metile. “Punti di metile sono importanti per la regolazione e funzionamento di questi geni”, spiega il co-autore Laura Stone, professore in Odontoiatria e ricercatore presso il Centro di Alan Edwards per la ricerca sul dolore. Questo tipo di marcatura chimica è parte del campo crescente dell’epigenetica, e comporta modifiche che trasformano i geni ‘a’ o ‘off’, riprogrammandone il funzionamento.

“Siamo stati sorpresi dal numero di geni che sono stati contrassegnati da dolore cronico: centinaia di migliaia di geni differenti sono state cambiati”, aggiunge Szyf. “Ora possiamo considerare le implicazioni che il dolore cronico potrebbe avere su altri sistemi dell’organismo che normalmente non associamo con il dolore.”

Possibili bersagli per nuovi farmaci per il dolore

I risultati potrebbero aprire nuove strade per la diagnosi e il trattamento del dolore cronico negli esseri umani, i ricercatori suggeriscono, come alcuni dei geni trovati ad essere caratterizzati dal dolore cronico potrebbero anche rappresentare nuovi bersagli di farmaci per il dolore.

Fonte: McGill University

Pubblicità