Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

#ATTD2016 diabetech = Medtronic

L’appuntamento clou dell’ATTD 2016 è con la regina della manifestazione: Medtronic. E non solo. Oggi ultima tappa della mia presenza fisica all’ATTD 2016, ma continuerò a seguire i lavori dalla rete. Oggi dedico questi spazi di presenza al possibile e futuribile ma verificabile futuro prossimo venturo, a quello che ancora non c’è. E di cose che non ci sono ce ne sono. Entra nel futuro: per ora un ologramma proiettato sul muro. Come il venturo sistema di controllo continuo della glicemia integrato con il microinfusore targato Roche Accuchek, poi nella galassia dei CGM la grossa promessa la presenta Senseonics con l’omonimo sensore miniaturizzato che è progettato per misurare il glucosio nel fluido interstiziale per un massimo di 90 giorni. A differenza dei sensori di glucosio correnti, il sensore Senseonics è destinato ad essere impiantato per via sottocutanea sul braccio superiore con nessuna parte del medesimo sporgente dalla pelle.
Racchiuso in un materiale biocompatibile, il sensore utilizza un unico fluorescente polimero che indica il glucosio presente. Un diodo ad emissione di luce incorporato nel sensore eccita il polimero, e il polimero segnala quindi rapidamente i cambiamenti nella concentrazione di glucosio tramite una variazione a emissione luminosa. La misura viene poi trasmessa al trasmettitore. L’intera misurazione è progettata per essere fatta autonomamente e indipendentemente senza alcuna sollecitazione da parte dell’utente. Quando il gioiello sarà disponibile per il popolo medico e diabetico? Venerdì la presentazione ai medici, la Senseonics conta di metterlo in produzione negli USA per la fine del 2016.Altra bomba, peraltro già anticipata nel blog come la Senseonics, riguarda Medtronic e IBM, anche loro venerdì presenteranno agli operatori sanitari il sistema computazionale Watson sviluppato da Big Blue per rendere ancora più potente e affidabile il sistema CGM predittivo di Med che vedrà radicarsi come modalità di calcolo nei nuovi firmware alle pompe prodotte dal 2017. Ma la Medtronic per noi diabetici ha altre sorprese in serbo. Infine avrei voluto dedicare un poco di spazio all’angolo del folclore dei pataccari, che non manca mai in questo genere di eventi: d’altronde pagano per esserci, ma non lo faccio perché dovrei sostenere spese legali e stop. Il momento emotivo particolare l’ho avuto ieri nel rivedere qui a Milano nell’ATTD il prof. Camillo Ricordi assieme al dott. Federico Bertuzzi due dei massimi esponenti mondiale nella ricerca per una cura nel diabete tipo 1. Bene, passo e chiudo: alla prossima!

Senseonics

Senseonics