Ricerca

CAMP che l’insulina cresce!

Adv


L'insulina appare verde, mentre cathelicidin peptidi antimicrobici (CAMP) appare rosso e il DNA di tutte le cellule appare blue.Giallo mostra una sovrapposizione di verde e rosso. Credit: Dr. Fraser Scott, l'ospedale di Ottawa

Perché i batteri uccidono una proteina presente in una zona del corpo che normalmente non viene esposta ai batteri, come nel pancreas? I ricercatori del The Ottawa Hospital e l’Università di Ottawa sono rimasti perplessi su questo punto per qualche tempo, fino alla fine quando hanno scoperto che la proteina in questione stava facendo qualcosa di completamente inaspettato – in realtà stava aiutando il pancreas a rigenerare e produrre insulina. Questa scoperta rivoluzionaria, recentemente pubblicata sulla rivista Diabetes, potrebbe portare a nuovi trattamenti per questa malattia devastante.

Più di 400 milioni di persone in tutto il mondo hanno il diabete, che si verifica quando il corpo non è in grado di controllare adeguatamente il livello dello zucchero nel sangue. Normalmente, l’insulina prodotta dalle pancreas controlla strettamente i livelli dello zucchero nel sangue, ma le persone con diabete o non sono in grado di produrre abbastanza insulina o non possono rispondere correttamente ad essa. Anche con iniezioni d’insulina i pazienti ancora affrontano molte sfide per la salute, compresi i danni ad organi vitali  e una diminuzione della durata della vita.
Gli autori della scoperta sono il dr. Fraser Scott e la sua equipe  che lavora per la ricerca sul diabete tipo 1, patologia la quale si verifica quando il sistema immunitario – che dovrebbe proteggere il corpo contro pericolosi invasori microbici – attacca per errore e distrugge le cellule che producono insulina nel pancreas. Nessuno sa esattamente cosa provoca questo, ma la genetica, la dieta, batteri e virus si pensa svolgano un ruolo.
In precedenza la ricerca del dr. Scott ha suggerito che una proteina chiamata cathelicidin peptidi antimicrobici (CAMP) eliminata dai batteri potrebbe anche svolgere un ruolo nel diabete di tipo 1, ma non era chiaro come.
“Eravamo alla ricerca di questa proteina  in varie parti del corpo, e come previsto, abbiamo trovato alti livelli nei tessuti intestinali che sono esposti ai batteri”, ha spiegato il dottor Scott, uno scienziato presso l’Ottawa Hospital e professore all’Università di Ottawa. “Tuttavia, l’abbiamo anche trovata nel pancreas, e per noi è stato uno shock completo perché il pancreas non è in genere esposto ai batteri!”
Il dr. Scott e la sua squadra hanno fatto ulteriori esperimenti per cercare di determinare ciò che stava facendo CAMP nel pancreas e come potrebbe essere collegato al diabete. Essi hanno scoperto che CAMP è prodotta dalle stesse cellule del pancreas che secernono insulina in ratti, topi e negli esseri umani. Sono anche state trattate le cellule pancreatiche in laboratorio con il CAMP, e si è scoperto che hanno raddoppiato la secrezione di insulina. Quando le hanno iniettate nei ratti diabetici a rischio con il CAMP, hanno trovato anche i segni di una maggiore rigenerazione cellulare nel pancreas e il passaggio di più batteri benefici nell’intestino. Hanno anche scoperto che l’espressione genica CAMP è stata inferiore nei ratti diabetici a rischio rispetto ai normali, mettendo in evidenza una potenziale opportunità per il trattamento della malattia.
“Il nostro studio rivela un nuovo ruolo interessante per questa proteina in funzione del pancreas e rigenerazione cellulare, con possibili collegamenti con i batteri intestinali associati al diabete”, ha detto il dottor Scott. “Certamente non abbiamo ancora tutte le risposte, ma i nostri risultati sollevano l’eccitante possibilità di nuovi trattamenti, sia per il diabete tipo 1 che per il tipo 2.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: