Ricerca

L’attivazione del flusso di sangue accende il grasso bruno brucia-grassi nei topi

Adv
Tessuto adiposo bruno in una donna mostrato in un esame PET / TC. Credit: Public Domain

Aumentando il flusso di sangue nel grasso marrone induce a bruciare più calorie nei topi e può contribuire a trattare l’obesità, un nuovo studio lo evidenzia nel Journal of Applied Physiology.

Il corpo ha due tipi di tessuto adiposo, o tessuto grasso: bianco e marrone. Il grasso bianco immagazzina energia. L’obesità è caratterizzata da troppo grasso bianco nel corpo. Il grasso bruno utilizza l’energia per produrre calore. Il grasso bruno è associato con i bambini, genera calore per mantenerli al caldo affinché non tremino, ma è stato recentemente trovato pure negli esseri umani adulti.

Perché grasso bruno utilizzi l’energia, i ricercatori stanno esplorando se stimolarlo utilizzandolo fino a ridurre il grasso bianco del corpo. I farmaci che stimolano direttamente l’attività del grasso bruno, tuttavia, hanno significativi effetti collaterali o hanno dimostrato di essere inefficaci nei trattamenti per l’obesità. Il grasso bruno ha anche una grande rete di vasi sanguigni al suo interno. Quando il grasso bruno è attivo e genera calore, il flusso di sangue aumenta per sostenerlo con abbastanza ossigeno e sostanze nutritive. Questo nuovo studio ha esaminato se l’aumento del flusso di sangue può aumentare l’attività bruno.

I ricercatori hanno utilizzato salbutamolo, un farmaco adrenergico classe di farmaci beta-2, per aumentare il flusso di sangue nel grasso marrone nei topi normopeso. Hanno visto un aumento del consumo di glucosio (zucchero), un segno di attività, da parte del grasso bruno. Il salbutamolo non ha stimolato direttamente le cellule adipose marrone, quindi suggerisce che l’attività più elevata è dovuta al maggiore flusso sanguigno .

I risultati hanno implicazioni incoraggianti per i pazienti perché gli agonisti beta-2 adrenergici sono abitualmente utilizzati nella pratica clinica, anche per l’asma e travaglio pre-termine, e hanno pochi effetti collaterali, secondo il team di ricerca. Il passo successivo è quello di determinare se stimola il tessuto adiposo bruno aiutando a far perdere peso ai topi obesi, ha detto Laura Ernande, MD, PhD, e Marielle Scherrer-Crosbie, MD, PhD, autori principali di questo studio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: