Mangiare

I ricercatori creano bevanda con agave e probiotici per regolare i livelli di zucchero

I ricercatori testano il drink

I ricercatori testano il drink

Con un drink progettato a base di agave e microrganismi probiotici , gli specialisti dell’Università Autonoma Popolare di Puebla (UPAEP) in Messico sono riusciti a ridurre i livelli di zucchero nel sangue a studenti ai quali era stata data una soluzione di glucosio.

Pubblicità

“Lo abbiamo testato su di un campione di 10 studenti ai quali è stata somministrata una soluzione di glucosio e di 250 millilitri di bevanda. I loro livelli di glucosio nel sangue sono stati misurati dopo, e i risultati hanno mostrato che è sceso in modo significativo”, ha detto Beatriz Perez Armendariz, preside della scuola di Biotecnologia a UPAEP.

La tecnologia con cui la bevanda è stata progettata consiste in un trattamento termico di pastorizzazione in cui la microflora presente nel Mead viene rimossa, impedendo così la fermentazione. “Cerchiamo di evitare che i fruttani cambino, perché hanno la capacità di essere una fibra e una trappola per lo zucchero.”

Mead contiene fruttani, fibre non solubili con un effetto ipoglicemizzante che controlla i livelli dello zucchero. Il problema è che il prodotto viene fermentato rapidamente e può diventare Pulque (una specie di tipico alcol artigianale); da qui, l’importanza di creare un metodo che può conservare il prodotto fresco per un lungo periodo, ha detto che Beatriz Peres, che guida il progetto.

La bevanda è senza lattosio e non contiene alcool. E ‘quindi ideale per le persone con diabete e coloro che sono intolleranti al lattosio.

Inoltre, una valutazione dei microrganismi presenti nel Mead è stata eseguita e sono stati selezionati alcuni batteri, tra cui Lactobacillus leichmannii, che è stato isolato e integrato nel succo d’agave pastorizzato, raggiungendo così una durata di 20 giorni, il tempo ottimale per la commercializzazione.

Inoltre, sono stati effettuati test per verificare l’efficacia del prodotto in condizioni diverse, come gastrite e sindrome dell’intestino irritabile, e i ricercatori hanno trovato un accordo con gli ospedali locali per eseguire studi in pazienti affetti da sovrappeso e obesità.

Perez Armendariz ha detto che i prodotti lattiero-caseari devono contenere almeno un milione di batteri lattici per millilitro onde ottenere un beneficio per la salute. “In questa bevanda, abbiamo ottenuto fino a 900 milioni di euro.”

Ma si deve fare attenzione al numero di microrganismi che sono presenti nella bevanda, perché i metaboliti generati dalla fermentazione possono dare un delicato sapore sgradevole ; di conseguenza, c’è la necessità di testare i gusti per fornire la formulazione più appetibile.

Fornito da Investigación y Desarrollo

Pubblicità