Complicanze varie/eventuali

Il diabete può aumentare il rischio di infezione da stafilococco

Selfie

Selfie

La notizia emessa dalla ricerca non è nuova, anzi è vecchia: possiamo definirla una ulteriore conferma: le persone con diabete possono avere significative e maggiori probabilità di sviluppare “stafilococco”, infezioni del sangue potenzialmente mortali rispetto a quelli senza diabete, un nuovo studio suggerisce.

Pubblicità

Come hanno spiegato i ricercatori danesi, lo Staphyloccus aureus sono batteri vivono sulla pelle e normalmente risultano essere innocui. Tuttavia, i germi possono causare infezioni pericolose se entrano nel flusso sanguigno.
Infatti, il tasso di mortalità a 30 giorni da tali infezioni è dal 20 per cento al 30 per cento, secondo il team di ricerca dalla Aalborg University Hospital e Aarhus University Hospital.
Nel loro nuovo studio, i ricercatori hanno monitorato le cartelle cliniche di 30.000 persone in Danimarca per oltre 12 anni.
Nel complesso, hanno trovato che le persone con qualsiasi forma di diabete avevano quasi tre volte più probabilità di acquisire un infezione nel sangue da stafilococco al di fuori di un ospedale, rispetto a quelli senza diabete.
Il rischio è  sette volte più alto tra le persone con diabete di tipo 1, e quasi tre volte più elevato per le persone con diabete di tipo 2.
Circa il 95 per cento delle persone con diabete hanno la forma di tipo 2 di questa malattia, che è spesso (ma non sempre) legato all’obesità e comporta una disfunzione nella capacità del corpo di utilizzare l’insulina. Circa il 5 per cento ha il diabete di tipo 1, in cui il corpo ha perso la sua capacità di produrre insulina, l’ormone che converte lo zucchero nel sangue in energia per le cellule.
Il nuovo studio ha anche trovato che la combinazione di diabete e problemi renali legati alla patologia potenziano le probabilità di infezione del sangue da stafilococco di oltre quattro volte, rispetto alle persone senza queste condizioni. Le persone con altre complicanze del diabete collegate, come il cuore e problemi di circolazione e ulcere diabetiche, sono anche a maggior rischio.
Lo studio è stato pubblicato il 10 marzo nel European Journal of Endocrinology .
“È stato a lungo una credenza clinica comune che il diabete aumentasse il rischio di infezione da S. aureus, ma fino ad ora questo è stato supportato da prove scarse”, ha detto l’autore dello studio Jesper Smit in un comunicato stampa ufficiale.
Il suo team ha anche scoperto che il rischio di infezione da stafilococco nel sangue aumenta con il numero di anni di decorso con il diabete. Scarso controllo del diabete è un altro fattore che ha aumenta il rischio di infezione.
I risultati suggeriscono che i pazienti diabetici a lungo termine possono richiedere un monitoraggio più stretto per le infezioni, la squadra di Smit afferma.
“La cattiva gestione del diabete può portare a una risposta immunitaria alterata”, ha spiegato. “Questo può essere il motivo per cui con il diabete i pazienti sono a maggior rischio di infezione. Allo stesso modo, i pazienti diabetici spesso soffrono di malattie associate al carico di molteplici problemi sanitari e questo fa anche aumentare la suscettibilità alle infezioni.”

Pubblicità