Prodotti

Nuovo metodo, non invasivo consente di determinare se un bambino è celiaco o meno con solo una foratura nel dito

newnoninvasiI ricercatori dell’Università di Granada (UGR) hanno sviluppato un nuovo, semplice e non invasivo metodo che determina se un bambino dai due ai quattro anni soffre di celiachia, senza la necessità di una estrazione del sangue.

Pubblicità

Inoltre, questo metodo non richiede personale esperto, e dà il risultato in 10 minuti, è economico (€ 10 a € 12 per dispositivo) e, cosa più importante per i neonati, è meno invasiva di un prelievo di sangue.
Questo lavoro è stato svolto dal Mª Vega Almazán de Bobadilla, ricercatore presso il Dipartimento di Pediatria UGR, e guidato da José Maldonado Lozano. Parte dei loro risultati sono stati pubblicati nel Pediatric Research magazine.
Come spiega de Bobadilla, “l’idea di realizzare questa ricerca è venuta dalla necessità di rispondere a una domanda che ho preso in considerazione quando si dà la cura clinica quotidiana: non vi è alcun prevalenza silente della malattia celiaca nel nostro campo di specializzazione?”
Celiachia silente
Celiachia silenzioso è quella che viaggia inosservata perché presenta sintomi lievi, impercettibili anche al paziente. La celiachia è una malattia sistemica causata da un’intolleranza permanente al glutine, che si trova nel frumento, orzo e segale, e colpisce le persone con una predisposizione genetica. I sintomi sono intestinali (malassorbimento intestinale, distensione addominale, diarrea, dolori addominali, ecc) ed extra-digestivi (problemi della pelle, dolori articolari, cefalea, ecc).
Al fine di diagnosticare la malattia celiaca, sono necessarie tre cose: la sintomatologia clinica, la valutazione degli anticorpi della malattia celiaca presenti nel sangue, e uno studio istologico compatibile tramite biopsia intestinale.
L’obiettivo della ricerca è stato quello di valutare la prevalenza della malattia celiaca silente tra i bambini di età compresa tra 2-4 anni. A tal fine, i ricercatori hanno utilizzato nuovi dispositivi che rilevano il marker della malattia (auto-anticorpi) presenti nel sangue capillare del paziente.
“Una puntura nel dito è sufficiente per prendere una piccola goccia di sangue, che viene poi messo nel dispositivo e, nel caso in cui il soggetto soffra della malattia, apparirà una linea rosa nella striscia (come nei test di gravidanza). linea rosa dice che ci sono auto-anticorpi caratteristici alla malattia celiaca presenti nel sangue. ”
Uno studio effettuato con 198 bambini
Un risultato positivo richiede un’ulteriore conferma tramite l’estrazione del sangue e la valutazione degli anticorpi malattia attraverso altri metodi, ma un risultato negativo esclude definitivamente la malattia.
Questa ricerca UGR ha rilevato sei bambini celiaci tra i 198 che hanno partecipato allo studio (significa una prevalenza molto alta del 3 per cento, superiore alla media europea). Tutti loro presentavano nessun sintomo, o sintomi impercettibili minori che non spingono i loro genitori a consultare un pediatra.
La conferma di questa diagnosi è stata effettuata presso la Gastroenterologia Pediatrica alla Virgen de las Nieves University Hospital (Granada), dove i sei pazienti sono stati sottoposti a endoscopia e procedure di biopsia.
“E’un lungo studio, dato che ci sono pochi lavori pubblicati circa l’utilizzo di questi dispositivi in persone apparentemente sane, in Spagna e nel resto d’Europa”, dice Mª Vega Almazáne  sottolinea. “Con questo tipo di metodo diagnostico nel studio del medico di famiglia o del pediatra si può rilevare casi di celiachia non diagnosticata a causa della sua sintomatologia atipica, e evitare inutili procedure, estrazioni del sangue o rinvio del paziente ai medici specialisti.”

Pubblicità