Ricerca

Nuovo metodo rivela ruoli GABA nel controllo di appetito e metabolismo

Adv
Buon appetito!

Negli ultimi 50 anni, l’obesità è più che raddoppiata in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, l’americano medio ha più di 24 chili in rapporto a cinquant’anni fa. I ricercatori del Baylor College of Medicine, Technion-Israel Institute of Technology e l’Università di Washington stanno studiando il problema dell’obesità dall’interno verso l’esterno.

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo metodo di laboratorio che ha permesso loro di identificare GABA come un attore chiave nei complessi processi del cervello che controllano l’appetito e il metabolismo. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences – PNAS.

Il dottor Qi Wu, assistente professore di pediatria presso Centro Ricerche Nutrizione sui Bambini USDA / ARS al Baylor Children Hospital del Texas ha guidato il team che per diversi anni ha cercato di scovare nuovi metodi di laboratorio per studiare meglio la funzione del GABA nel cervello.

GABA è un messaggero chimico prodotto dalle cellule cerebrali. Si lega ad altre cellule cerebrali attraverso recettori specifici e riduce l’attività delle cellule. La ricerca ha implicato GABA nei complessi processi neurologici che controllano paura e ansia, e anche in quelle relative al controllo dell’appetito e metabolismo. Ma la prova diretta del ruolo che GABA svolge nel controllo del peso è stata elusiva in parte per la mancanza di una metodologia la quale meglio controlli con precisione la produzione GABA dalle cellule cerebrali.

“Abbiamo sviluppato un nuovo sistema sperimentale con sede in cornice, il quale controlla le mutazioni nonsense e gliaminoglicosidi, e ci ha permesso di fermare bruscamente la sintesi del GABA negli animali adulti”, ha detto Wu. “Siamo stati in grado di mettere a tacere i geni coinvolti nella sintesi di GABA in un particolare insieme di cellule situate nell’ipotalamo, l’area del cervello che controlla l’appetito. Come risultato, queste cellule, chiamate neuroni AgRP, smettono di produrre GABA più velocemente in quattro giorni.”

Wu e colleghi quindi hanno osservato le variazioni di peso e il comportamento di questi topi privi GABA nella loro zona del cervello per il controllo di appetito.

I ricercatori hanno studiato due gruppi di topi; a due mesi di età, giovani adulti e 8 mesi di anzianità. I topi adulti giovani senza GABA hanno smesso di mangiare, perso un’enorme quantità di peso, aumentato la loro attività fisica e sono diventati ??glucosio intollerante. D’altra parte, i topi più anziani hanno solo perso il loro appetito temporaneamente.

I risultati sono significativi per lo studio dell’obesità in quanto indicano fortemente come il GABA è un potenziale candidato per la progettazione di farmaci mirati che possono portare ad aiutare il controllo dell’appetito e il metabolismo.

“La nostra speranza è che la nuova e migliore metodologia che abbiamo sviluppato sarà utilizzata da altri laboratori di genetica come strumento per mettere a tacere selettivamente altri geni”, ha detto Wu.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: