Terapie

Più instabilità della domanda di insulina durante la notte nel diabete tipo 1

Le persone con diabete di tipo 1, hanno un maggiore fabbisogno di insulina durante la notte e sono molto più instabili di giorno (al risveglio in specie) durante un’analisi dell’occorrente totale d’insulina giornaliero nel corso della sua somministrazione a circuito chiuso (microinfusore e CGM), secondo uno studio pubblicato online il 10 marzo su Diabetes Care.

Yue Ruan, dal Wellcome Trust-MRC Institute of Metabolic Science presso l’Università di Cambridge nel Regno Unito, e colleghi hanno analizzato retrospettivamente durante la notte, il giorno, gli importi totali di insulina quotidiana consegnati nel corso di un studio multicentrico a circuito chiuso. Per oltre 12 settimane, a 32 adulti con diabete di tipo 1 è stato applicato per 24 ore un sistema ibrido a ciclo chiuso di somministrazione di insulina in condizioni di vita quotidiana regolare (casa, lavoro). I dati sono stati analizzati su 1.918 notti, 1.883 periodi diurni e 1.564 giorni totali. La variabilità del fabbisogno di insulina nei singoli soggetti è stata misurata adottando il coefficiente di variazione.

I ricercatori hanno scoperto che la variabilità del fabbisogno di insulina durante la notte era quasi due volte superiore rispetto alla stessa del fabbisogno giornaliero totale (media coefficiente di variazione, il 31 contro il 17 per cento; p <0.001). La variabilità di insulina durante la notte è stata anche superiore alla variabilità dei requisiti di insulina durante il giorno (31 vs 22 per cento; p <0.001).

“Il fabbisogno di insulina durante la notte era significativamente più variabili di giorno nelle quantità giornaliere totali,” scrivono gli autori. “Questo potrebbe spiegare perché alcune persone con diabete di tipo un rapporto frustrante con instabilità della glicemia la mattina”.

Diversi autori hanno reso noti i legami finanziari con l’industria farmaceutica