Ricerca

che MODY!

Pubblicità
Nel pancreas, le cellule beta (verde, con nucleo blu) secernono insulina, ma in forma genetica del diabete chiamata MODY1, queste cellule sono sotto stress. le terapie standard sono progettate per far secernere più insulina alle cellule beta, ma la nuova ricerca indica che i farmaci aumentano anche i livelli di stress nelle cellule, eventualmente uccidendo le cellule beta e cos' richiedendo ai pazienti di passare alle iniezioni d'insulina.

Nel pancreas, le cellule beta (verde, con nucleo blu) secernono insulina, ma in forma genetica del diabete chiamata MODY1, queste cellule sono sotto stress. le terapie standard sono progettate per far secernere più insulina alle cellule beta, ma la nuova ricerca indica che i farmaci aumentano anche i livelli di stress nelle cellule, eventualmente uccidendo le cellule beta e cos’ richiedendo ai pazienti di passare alle iniezioni d’insulina.

Una rara forma di diabete può richiedere un trattamento alternativo

I pazienti con una rara forma genetica del diabete spesso sono mal diagnosticati e vengono trattati come avessero il diabete di tipo 2, perché i due sintomi si condividono.

Pubblicità

Ma la nuova ricerca fatta presso la Washington University School of Medicine di St. Louis suggerisce che il trattamento di tali pazienti con le terapie progettati per il diabete di tipo 2 è potenzialmente dannoso e che le linee guida per il trattamento hanno bisogno di cambiare. I problemi di fondo nei pazienti con la forma genetica di diabete dell’età adulta detta malattia del giovane (MODY1) sono molto diversi da quelli del diabete di tipo 2. E il trattamento dei pazienti con MODY1 mediante i farmaci per il diabete di tipo 2 sembra portare alla distruzione delle beta cellule che secernono insulina cellule e regolano lo zucchero nel sangue, gli scienziati hanno rilevato.

I risultati sono pubblicati sull’edizioni del 18 Marzo 2016 nel The Journal of Biological Chemistry .

“Le persone con diagnosi di diabete di tipo 2 sono trattati con farmaci per via orale che fanno secernere cellule beta dell’insulina molto attivamente”, ha detto il primo autore Benjamin D. Moore, PhD, presso la Washington University che ora è opera al Massachusetts General Hospital. “Ma il percorso MODY1 abbiamo scoperto mostra che stimolando le cellule con questi farmaci può portare alla morte delle cellule beta. Ciò significa che questi pazienti possono diventare dipendenti da iniezioni di insulina molto più precocemente.”

Moore ha detto che è comune per i pazienti con MODY1- che compongono 3-5 per cento di tutti i pazienti con diabete la transizione da farmaci per via orale a iniezioni di insulina entro 10 anni dalla diagnosi come un modo per mantenere la loro glicemia sotto controllo. La nuova ricerca suggerisce, tuttavia, che “girare” le cellule beta con i farmaci orali aumenta i livelli di stress cellulare e alla fine uccide le cele, così facendo accelerare i tempi di passaggio all’insulina.

Invece, i pazienti con MODY1 possono beneficiare di terapie che hanno come target un percorso specifico il quale sembra essere essenziale per la funzione delle cellule che secernono insulina. I ricercatori hanno osservato una relazione tra una coppia di proteine ??che regolano le cellule secernenti insulina e enzimi nello stomaco, fegato, reni e l’intestino. Una di queste proteine ??è fatto dal gene che è alterato in pazienti affetti da diabete MODY1.

Grazie al lavoro con Jason C. Mills, MD, PhD, professore associato di medicina presso l’Università di Washington, Moore ha originariamente studiato le cellule nello stomaco è così individuato il percorso di secrezione insulinica interrotto nella forma genetica del diabete.

Mills e Moore ritengono che il percorso identificativo nel MODY1 può anche essere importante nei disturbi che coinvolgono le cellule che secernono altri enzimi.

“La natura non è re-inventare la ruota”, ha detto Mills. “Ciò che queste diverse cellule secernono è molto diverso, ma la macchina è molto simile. Come con impianti di auto, anche se una BMW è molto diverso da una Volkswagen, le fabbriche dove le auto sono costruite non sono poi così diverse. Sembra la stessa cosa può essere vera per un certo numero di queste cellule che secernono enzimi chiave nel tratto gastrointestinale. ”

I laboratori stanno continuando a condurre esperimenti per determinare se le stesse vie sono attive in diversi tipi di cellule secretorie. Nel frattempo, i medici credono che trattando pazienti con diabete hanno bisogno di stabilire se questi hanno la forma MODY1 del disturbo prima di andare avanti con il trattamento.

“E ‘importante diagnosticare i pazienti nel modo più accurato possibile e tentare di indirizzare il percorso corretto”, ha detto Moore.

A proposito di MODY:

Il Maturity onset diabetes of the young, (MODY) è una forma monogenica di diabete mellito dovuto a difetti genetici delle cellule beta delle isole di Langerhans del pancreas.

Il MODY è un modello di ridotta secrezione insulinica ad ereditarietà autosomica dominante monogenica; può manifestarsi fin dalla prima ‘infanzia anche se la sua incidenza è maggiore durante l’adolescenza. MODY è causato dal cambiamento di un singolo gene e sei sono i geni identificati. La mutazione o cambiamento di uno di questi 6 geni differenti conducono a diversi tipi di MODY. I geni che causano le varie forme di MODY sono:

mutazione del gene che codifica per la glucochinasi che provoca una forma lieve di diabete, la quale non necessita dell’uso dei farmaci (MODY 2). La glucochinasi è presente in maggiori concentrazioni nelle cellule beta del pancreas e nel fegato, catalizza il trasferimento di un gruppo fosfato dall’ATP al glucosio generando glucosio-6-fosfato. Questa reazione è il primo punto di stop nel metabolismo del glucosio (glicolisi). In definitiva la glucochinasi funziona come un sensore di glucosio nelle cellule beta del pancreas. Gli altri 5 geni codificano per fattori di trascrizione e sono situati nel nucleo della cellula beta e regolano la trascrizione del gene dell’insulina e dei geni che codificano per gli enzimi coinvolti nel trasporto e nel metabolismo del glucosio.

mutazione del fattore nucleare epatocitico alfa 4 (MODY 1);

mutazione del fattore nucleare epatocitico alfa 1 (MODY 3);

mutazione del fattore nucleare epatocitico beta (MODY 5);

mutazione del fattore 1 promotore insulinico (MODY 4);

mutazione del fattore di trascrizione nucleare neuro D1 o beta 2 (MODY 6).