Donne e diabete

La mortalità infantile e la malnutrizione legate alla disuguaglianza di genere

childmortalilo status delle donne nella società è fortemente legato con la salute dei bambini e la sopravvivenza secondo un nuovo studio condotto da UCL e l’Università di Cambridge.

Pubblicità

Lo studio, pubblicato oggi su Global Health Epidemiology and Genomic ha analizzato i dati provenienti da 96 paesi e suggerisce che il livello della disuguaglianza di genere nelle nostre società, come ad esempio il numero di donne nel mondo che lavorano  o i loro livelli di istruzione rispetto agli uomini, è un fattore importante che contribuisce ad alimentare i tassi della malnutrizione e la mortalità infantile.
Ogni anno oltre 20 milioni di bambini, o 1 su 7 di tutti coloro che sono nati, registra un basso peso alla nascita . Uno su quattro diventa malnutrito durante i primi 5 anni di vita, che, a sua volta, ne aumenta il rischio di mortalità . Per coloro che sopravvivono, la scarsa crescita nei primi anni di vita riduce il progresso educativo e aumenta la suscettibilità alle malattie non trasmissibili , come quelle cardiovascolari e il diabete in età adulta.
Gli sforzi nazionali per ridurre il basso peso alla nascita e la malnutrizione infantile e la mortalità in generale, sono e restano tra le priorità della crescita economica. Lo studio suggerisce che questo potrebbe essere inefficace come l’aumento del prodotto interno lordo (PIL) e deve imporre anche i costi per la salute, come l’obesità e le malattie non trasmissibili.
Il professor Jonathan Wells (UCL Institute of Child Health) ha spiegato: “Dopo aver preso in considerazione la ricchezza nazionale (PIL pro capite), più le società che sono prossime alla parità di genere rilevano tassi più bassi di malnutrizione infantile e la mortalità per disuguaglianza di genere. E’ questa la valutazione effettiva dei livello di crescita complessiva in termine di paese/i. ovvero della capacità delle donne di partecipare al lavoro, all’istruzione e alla vita politica, insieme con gli aspetti della loro salute associati alla gravidanza.
“Certo l’aumento della ricchezza nazionale è il modo migliore per affrontare questi problemi, studi recenti hanno messo in dubbio l’efficacia di questa dinamica economica e sociale, poiché a sentire tali posizioni la crescita economica è anche collegata con crescente obesità, diabete e malattie cardiache negli adulti. Gli studi longitudinali sono ora necessari per valutare l’impatto degli sforzi per ridurre la disuguaglianza di genere nella società “.
Akanksha Marphatia, dell’Università di Cambridge ha aggiunto: “Lo sviluppo economico e la ricchezza non sempre vanno direttamente nelle mani delle donne, in modo che esse possano effettivamente raggiungere i bisogni dei bambini. La condizione delle donne nella società appare fortemente legata con la salute dei bambini e la loro sopravvivenza. Sulla base dei nostri risultati, gli sforzi per ridurre la disuguaglianza di genere nella società potrebbero potenzialmente portare a importanti riduzioni della malnutrizione infantile e la mortalità nei paesi a basso e medio reddito.”

Pubblicità