Vista e dintorni

Le lesioni nervose correlate al diabete sembrano essere alla base della retinopatia diabetica

Rithwick Rajagopal, MD, PhD (primo piano), e Clay F. Semenkovich, MD, visualizzano l'immagine di una retina di topo danneggiata dal diabete. Essi hanno scoperto che i danni ai nervi della retina precedono lo sviluppo di vasi sanguigni anomali normalmente incolpati drlla perdita di visione nella retinopatia diabetica. Credit: Robert Boston / School of Medicine

Rithwick Rajagopal, MD, PhD (primo piano), e Clay F. Semenkovich, MD, visualizzano l’immagine di una retina di topo danneggiata dal diabete. Essi hanno scoperto che i danni ai nervi della retina precedono lo sviluppo di vasi sanguigni anomali normalmente incolpati drlla perdita di visione nella retinopatia diabetica. Credit: Robert Boston / School of Medicine

La perdita di visione dovuta al diabete il più delle volte viene attribuita ai danni nei vasi sanguigni dentro e intorno alla retina, ma una nuova ricerca indica che gran parte di tale perdita della vista può derivare da lesioni delle cellule nervose che si verificano molto prima che i vasi sanguigni siano danneggiati.

Pubblicità

La scoperta è stata fatta dagli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis e può portare a nuovi approcci per il trattamento del diabete correlati alla perdita di visione , chiamata retinopatia diabetica , dal momento che molti attuali trattamenti sono volti ai vasi sanguigni danneggiati.
“Molti dei miei colleghi credono che se si cattura la retinopatia diabetica abbastanza presto, può essere controllata con farmaci che proteggono i vasi sanguigni”, ha detto il primo autore e oculista Rithwick Rajagopal, MD, PhD. “Ma quei farmaci hanno effetti collaterali, e sono molto costosi. Inoltre, i nostri risultati suggeriscono vi è una sottostante, neurodegenerazione progressiva non affrontata da quelle terapie.”
Lo studio è pubblicato nel numero di aprile della rivista Diabetes.
L’ epidemia d’obesità ha scatenato l’epidemia di diabete. Circa 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di diabete. Poiché il numero di persone affette da diabete è aumentato, come pure il numero di quelli con retinopatia diabetica, oggi la più comune causa di nuovi casi di cecità in tutto il mondo in adulti d’età 20-74.
Lavorando in laboratorio con F. Semenkovich, MD, Herbert S. Gasser professore e capo della Divisione di Endocrinologia, Metabolismo, Rajagopal ha nutrito i topi con una dieta ricca di grassi per indurre il diabete e, infine, la retinopatia diabetica. Quando i ricercatori hanno testato gli animali dopo due e poi tre mesi, non riuscendo a trovare alcun problema negli occhi dei topi.
Ma dopo tre mesi di dieta ad alto contenuto di grassi, gli animali avevano sviluppato l’obesità legata all’intolleranza al glucosio, e dopo sei mesi, avevano problemi d’innervamento nella retina. Non c’è stata evidenza di danni dei vasi sanguigni negli occhi, però, fino a quando gli animali sono stati esaminati a 12 mesi di distanza.
“È interessante notare che la malattia è venuto su così lentamente che siamo stati in grado di identificare diverse fasi della patologia”, ha detto Rajagopal. “Abbiamo scoperto che hanno sviluppato problemi funzionali della retina da difetti delle cellule nervose molto prima di quanto hanno sviluppato la malattia vascolare che normalmente associamo con il topo e la retinopatia umana”.
Anche se i trattamenti attuali per la retinopatia diabetica aiutano molte persone, il beneficio potrebbe essere maggiore se i pazienti hanno ricevuto terapie in precedenza nel corso della malattia, in particolare trattamenti focalizzati sui danni al sistema nervoso, ha detto Semenkovich, che è anche un professore di biologia cellulare e fisiologia.
“Ci sono prove da altri studi che le persone con diabete passano attraverso una fase che sembra corrispondere alla lesione precoce  del nervo, come risulta essere nelle retine di questi topi”, ha detto. “Ma che è stato ampiamente trascurato il fattore in questo campo, perché il dogma vuole che la retinopatia diabetica è una malattia dei vasi sanguigni”.
La più profonda implicazione di questo studio è che il pregiudizio sul tessuto nervoso nella retina può verificarsi molto prima dei danni ai vasi sanguigni negli occhi, Semenkovich ci ha spiegato.
“Ora abbiamo un modello animale che può aiutarci a sviluppare terapie in grado di affrontare i danni ai nervi che sembra verificarsi molto prima del loro inizio nei vasi sanguigni”, ha detto.

Pubblicità