Ricerca

Peso superiore nel primo anno di vita può mettere a rischio l’autoimmunità dell’isolotto

higherweightLo sviluppo dell’autoimmunità dell’isolotto e i suoi molteplici autoanticorpi sembra essere correlati al peso entro i 12 mesi d’età, secondo uno studio pubblicato online il 23 marzo su Diabetes.
Helena Elding Larsson, MD, Ph.D., Università di Lund a Malmö, in Svezia, e colleghi hanno esaminato la correlazione tra peso, altezza, e lo sviluppo di autoimmunità persistenti nell’isolotto e la progressione a diabete di tipo 1 durante i primi quattro anni di vita. Le correlazioni sono state esaminate in una coorte di 7.468 bambini a rischio genetico di diabete di tipo 1.
I ricercatori hanno scoperto che lo sviluppo di autoimmunità dell’isolotto correlata con peso a 12 mesi (hazard ratio, 1,16 per 1,14 kg nei maschi o per 1,02 kg nelle femmine; p <0.001); nessuna correlazione è stata osservata in 24 o 36 mesi. C’era una correlazione simile noto per peso z-score con lo sviluppo di molteplici autoanticorpi insulari, con correlazioni significative a 12 e 24 mesi (hazard ratio, rispettivamente 1.21 e 1.18,). Non c’era alcuna correlazione tra il peso o altezza con diabete di tipo 1 .
“In conclusione, il maggior peso nei primi anni di vita è stato associato ad un aumentato rischio di sviluppo di autoimmunità dell’isolotto,” scrivono gli autori.

Pubblicità

E una conclusione mia e di Roberto la facciamo da diabetici bebè: io alla nascita pesavo 4,5 kg, Roberto era ben 4,6 kg, e il suo pediatra endocrinologo, il prof. Emanuele Cacciari sosteneva che un peso così elevato poteva essere legato all’esordio del diabete tipo 1 (anno 1963).

Pubblicità