Complicanze varie/eventuali

Esiste un legame tra salute orale e il tasso di declino cognitivo?

teethE dopo i giovani passiamo ai vecchi, giusto per non farci mancare niente. Una migliore igiene orale e regolari visite dentistiche possono giocare un ruolo nel rallentare il declino cognitivo. I risultati, pubblicati nel Journal of the American Society Geriatric, provengono dalla prima revisione sistematica di studi che si sono concentrati sulla salute orale e importanti aree di ricerca come la popolazione adulta anziana e la funzione cognitiva, con circa il 36% delle persone di età superiore ai 70 che già vivono con disturbi cognitivi.

Pubblicità

I ricercatori si sono chiesti se esiste un’associazione tra salute orale e lo stato cognitivo per gli anziani. “L’evidenza clinica suggerisce che la frequenza dei problemi di salute orale aumenta in modo significativo negli anziani con deterioramento cognitivo, in particolare quelli con demenza”, ha detto Bei Wu, PhD, della School of Nursing della Duke University di Durham, NC. “Inoltre, molti dei fattori connessi ad una cattiva salute orale, come la cattiva alimentazione e malattie sistemiche come il diabete e le malattie cardiovascolari, sono anche associati ad una scarsa funzione cognitiva”.
Per cercare un legame tra salute orale e stato cognitivo, il Dr. Wu e i suoi colleghi hanno analizzato rilevanti  studi pubblicati tra il 1993 e il il 2013 (dati raccolti in un punto specifico nel tempo) trasversali e longitudinali (dati raccolti per un periodo prolungato di tempo) .
Alcuni studi hanno trovato che le misure della salute orale, come il numero di denti, di cavità, e la presenza di malattie parodontali (noto anche come “gengivite”) sono stati associati ad un aumentato rischio di declino cognitivo o demenza, mentre altri studi sono stati in grado di confermare una qualunque forma di associazione. I ricercatori sono stati anche veloci a notare che i risultati in base al numero di denti o cavità sono contrastanti, e gli studi limitati suggeriscono come le condizioni parodontali, quali le gengiviti sono associati a più scarso stato cognitivo o declino del medesimo.
“Non ci sono prove sufficienti per concludere che esiste un nesso causale tra le funzioni cognitive e la salute orale”, ha detto il dottor Wu. “Per la ricerca futura, si raccomanda che gli investigatori raccolgano dati da campioni più grandi e rappresentativi della popolazione, utilizzando valutazioni cognitive standard e misure specifiche sulla salute orale , e un uso analizzato dei dati più sofisticato.”

Vi lascio col sorriso: sorridi e la vita ti sorride, o almeno fatti il solletico…

Pubblicità