Ricerca

Clamoroso! Gli scienziati risolvono il mistero del sistema immunitario che innesca il diabete di tipo 1

Adv
Diabete tipo 1

Gli scienziati hanno risolto un mistero vecchio di decenni che finalmente identifica una molecola precedentemente sconosciuta, la quale viene attaccata dal sistema immunitario nelle persone con diabete di tipo 1.

La ricerca innovativa, guidato dal dottor Michael Christie presso l’Università di Lincoln, nel Regno Unito, potrebbe ora portare ad una migliore identificazione dei soggetti a rischio di diabete di tipo 1 e informare lo sviluppo di nuove terapie che potrebbero impedire lo sviluppo della malattia.
Il diabete di tipo 1 si sviluppa quando il corpo non è in grado di produrre l’insulina; una sostanza necessaria per regolare i livelli di zucchero nel sangue spostando il glucosio dal sangue alle cellule così da essere utilizzato per produrre energia. Si tratta di una malattia autoimmune, in cui il sistema di difesa del corpo che normalmente protegge contro gli attacchi da infezioni e distrugge le cellule che producono insulina nel pancreas.
Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario reagisce a particolari molecole nel pancreas – chiamate autoantigeni – che sarebbero normalmente ignorate. Le persone con diabete di tipo 1 hanno gli anticorpi nel sangue che sono specifici per ciascuna delle molecole. I test sono attualmente utilizzati per rilevare questi anticorpi: com più anticorpi rilevati, è maggiore il rischio che una persona sviluppi il diabete di tipo 1. I test sono attualmente utilizzati per identificare i soggetti più a rischio di diabete di tipo 1, e in futuro potrebbe offrire l’opportunità di intervenire e di fermare la malattia sul nascere.
Fino ad ora, gli scienziati avevano trovato quattro molecole che vengono attaccate dal sistema immunitario nel diabete di tipo 1. L’identità di una quinta molecola – conosciuto solo come ‘Glima’ per gli ultimi 20 anni – è stata un mistero. La squadra del dottor Christie hanno identificato con successo questo quinta molecola come tetraspanine-7, che potrebbe rendere fattibili i test per predire il diabete di tipo 1 più accurati. Essi sono ora alla ricerca di modi per bloccare l’attacco immunitario, al fine di prevenire il diabete di tipo 1 in via di sviluppo in quelli ad alto rischio.
La ricerca è stata finanziata dal Diabetes UK, dalla Società per Endocrinologia e viene pubblicato in Diabetes, la rivista della American Diabetes Association.
Dr Christie, Rettore nella Facoltà di Scienze della Vita presso l’Università di Lincoln, ha dichiarato: “Essere in grado di rilevare gli autoanticorpi circolanti e identificare i loro bersagli molecolari ha permesso agli scienziati di sviluppare test per la diagnosi clinica del diabete di tipo 1, e per l’identificazione degli individui ad alto rischio di sviluppare la malattia. prove derivate da entrambi gli studi su animali e la sperimentazione umana indicano che il diabete di tipo 1 può essere evitato nei soggetti a rischio, e una serie di terapie per interferire con le risposte immunitarie si sono dimostrate efficaci nel prevenire lo sviluppo della malattia negli animali e nel rallentare la perdita della funzione delle cellule che secernono insulina in pazienti umani.
“Vi è ora un focus sullo sviluppo di procedure per interferire specificamente nelle risposte immunitarie che causano il diabete di tipo 1, ed è quindi assolutamente essenziale che noi raccogliamo quante più informazioni possibili sui principali obiettivi delle risposte autoimmuni.
“Abbiamo già avuto una certa conoscenza delle proprietà fisiche del ‘Glima’, ma la sua identità molecolare per molti anni si è dimostrata sfuggente. Questo ha ostacolato lo sviluppo di rilevanti prove sugli autoanticorpi, ma la nostra ricerca ha identificato con successo ‘Glima’ nella sostanza tetraspanin-7. Possiamo ora sfruttare questa conoscenza per prevedere il diabete e l’immunoterapia “.
Lo screening per gli anticorpi contro le quattro molecole che si trovano nel pancreas è attualmente utilizzato per valutare il rischio di una persona di prendere il diabete di tipo 1. Dopo la ricerca del dottor Christie, sul tetraspanine-7 gli anticorpi potrebbero ora essere inclusi in questo processo. Ciò potrebbe rendere i test più accurato e aiutare i ricercatori a comprendere la risposta immunitaria individuale e unico di una persona – che sono entrambi cruciali nello sviluppo di trattamenti che possono fermare la progressione del diabete di tipo 1.
Un membro del team di ricerca, il dottor Kerry McLaughlin, si è aggiudicata una borsa di studio dalla JDRF per sviluppare nuovi test per rilevare gli anticorpi del tetraspanine-7 e comprendere meglio la sua funzione presso l’Università di Oxford.
Dr Emily Burns, Research Manager della Diabetes UK, ha detto: “Al fine di prevenire il diabete di tipo 1, abbiamo bisogno di comprendere appieno come la risposta immunitaria che danneggia le cellule produttrici di insulina si sviluppa in primo luogo. l’impressionante di ricerca del dottor Christie ci aiuta a fare proprio questo. Speriamo che i risultati qui ottenuti saranno utilizzati per migliorare l’identificazione dei soggetti a rischio di diabete di tipo 1 e, nel lungo termine, di informare lo sviluppo cruciale di terapie che possono fermare questa risposta immunitaria prima che accada e, infine, prevenire il diabete di tipo 1 “.

Nota dell’Amministratore: tra qualche mese torneremo regolarmente online con un cambio organizzativo e redazionale, pertanto restate sintonizzati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: