Terapie

La cura responsabile degli animali è associata con buon controllo della glicemia nei bambini diabetici

giovaniIn un campione di giovani con diabete di tipo I, coloro che hanno contribuito attivamente nella cura degli animali domestici avevano 2,5 volte più probabilità di ottenere livelli dello zucchero nel sangue ben controllati, secondo uno studio pubblicato il 22 aprile 2016 sulla rivista open-access PLoS ONE da Louise Maranda dall’University of Massachusetts Medical School, Stati Uniti d’America, e colleghi.
Attributi che aiutano a un’efficace autogestione del diabete di tipo I, come la coesione familiare e il comportamento nell’autoregolamentazione, sono simili a quelle richieste per la cura responsabile di animali domestici. Per studiare una possibile associazione positiva tra la cura dell’animale domestico e la cura di sé nella malattia cronica, del presente studio di controllo dei casi gli autori hanno esaminato 23 giovani con diabete di tipo I in materia di proprietà responsabile dell’animale domestico ed analizzato i risultati rispetto al successo nell’auto-gestione della loro malattia.
I ricercatori hanno scoperto che i bambini diabetici che si occupavano attivamente di almeno un animale domestico avevano 2,5 volte probabilità in più di mantenere sani i livelli della glicemia rispetto ai bambini che non si prendevano cura di un animale domestico. Gli autori sono stati attenti a distinguere le responsabilità di cura effettive dal livello di attaccamento all’animale: come ad esempio alcuni bambini hanno professato amore per il proprio animale domestico, ma non sono stati coinvolti nella sua cura. Gli autori ipotizzano che alcuni fattori, ad esempio la creazione di routine per la casa e la promozione dei sentimenti di responsabilità, che aiutano i giovani a curare in modo responsabile gli animali domestici possono anche aiutare loro nel controllare i livelli di zucchero nel sangue .
Mentre il presente studio non si regola per le potenziali differenze culturali in atteggiamenti verso gli animali domestici o la cura del diabete, e il disegno dello studio non mostra la causalità, gli autori suggeriscono che i loro risultati possano aiutare ad identificare gli attributi che sostengono i giovani nell’autogestione del diabete tipo I.

#test44333

Pubblicità e progresso