Ricerca Vista e dintorni

Clamoroso! I ricercatori scoprono che i danni vascolari possono precedere l’esordio della retinopatia diabetica

Adv

occhiobello

Gli scienziati sanno da tempo che i pazienti con diabete mellito, sia di tipo 1 e tipo 2 sono ad alto rischio di sviluppare la retinopatia diabetica, la causa più comune di cecità irreversibile negli adulti. La perdita della vista si verifica a causa di un danno microvascolare alla retina. Le persone con diabete non sono in genere consapevoli del fatto che essi sono anche a rischio di sviluppare neuropatia diabetica della retina, una perdita di cellule nervose della retina medesima.

Per molti anni, gli scienziati hanno ritenuto lo sviluppo della retinopatia nei pazienti, come il risultato del danno ai vasi sanguigni, poi sviluppato in neuropatia. I medici sono stati concentrati sulla diagnosi precoce e il trattamento della retinopatia per prevenire la cecità, pensando che tale processo avrebbe potuto evitare i danni causati dalla neuropatia.

In questo nuovo studio, tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che la sequenza degli eventi che si verificano nella retina a causa di diabete è esattamente l’opposto di queste credenze di lunga data.

“Quello che stiamo trovando qui, purtroppo, è che il danno del nervo in realtà avviene  prima del danno vascolare”, dice Michael Abramoff, MD, PhD, professore presso il Dipartimento di Oftalmologia e Scienze Visive della predetta Università e autore senior dello studio. “Anche le persone con diabete che non hanno la retinopatia possono ancora sviluppare questo danno, e dopo molti anni, gli effetti possono essere gravi, simile al glaucoma”.

Lo studio appare in linea il 25 aprile 2016 sulla rivista PNAS.

“In sostanza, l’ordine dei danni della retina dal diabete è diverso da quello che originariamente si era pensato, e prevenire gli effetti della retinopatia di per sé non proteggono i nervi della retina”, dice Elliott Sohn, MD, GI, professore associato presso il Dipartimento di Oftalmologia e Scienze visive e membro del Stephen A. Wynn Institute for Vision Research, e primo autore dello studio.

Nello studio, Sohn e Abramoff con i loro colleghi dell’Università di Amsterdam hanno studiato 45 persone con diabete con assenza o leggera presenza di retinopatia diabetica nell’arco di quattro anni. Hanno trovato “una significativa, progressiva perdita dello strato di fibre nervose delle cellule  e dei loro gangli,” prova di un danno ai nervi prima delle alterazioni vascolari che in genere si ritrovano nella retina a causa del diabete.

Allo stesso tempo, i ricercatori hanno trovato un corrispondente assottigliamento dello strato delle fibre nervose in sei occhi da pazienti con diabete e poca o nessuna presenza di retinopatia diabetica , e lo strato era considerevolmente più sottile dello stesso da pazienti che non avevano il diabete. Risultati simili sono stati trovati in modelli di topo diabetici in questo studio.

La buona notizia, dice Abramoff, è che una migliore comprensione della sequenza del danno può portare a nuovi trattamenti che si concentrano sulla prevenzione dei danni ai nervi, e quindi si spera anche di prevenire la pericolosa retinopatia.

#test111111113

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: