Mangiare

Lo stile di vita ha un forte impatto sulla flora batterica intestinale

1-obesityTutto ciò che si mangia o beve influisce sui batteri intestinali, ed è probabile che abbia un impatto sulla vostra salute. Questo è il risultato di uno studio su larga scala condotto dall’unità medica di Genetica RUG/ UMCG dell’Universitù di Groningen – Olanda, diretta da Cisca Wijmenga, sull’effetto di cibo e medicine nella diversità batterica dell’intestino umano, risultati di una ricerca pubblicati oggi nella prestigiosa rivista di ricerca Science .

Pubblicità

In questo studio i ricercatori hanno raccolto i campioni di feci da più di 1100 persone che partecipano all’apposito programma che sta monitorando la salute di 165.000 residenti nel nord dei Paesi Bassi. I campioni sono stati utilizzati per analizzare il DNA dei batteri e altri microrganismi che vivono nell’intestino. Lo studio ha raccolto informazioni articolate sui partecipanti quali: dieta, utilizzo di medicine e la loro salute.

Questo studio è unico in quanto si concentra su di un gruppo di persone normali, mentre le ricerche precedenti venivano spesso focalizzate su pazienti con una malattia specifica. Inoltre, lo studio ha riguardato un eccezionalmente grande gruppo di persone e studiato il loro DNA dell’intestino in dettaglio. “Normalmente i ricercatori indagano solo una particolare regione del DNA in cui si possono distinguere diversi gruppi di batteri”, spiega Wijmenga. “Abbiamo mappato tutto il DNA batterico per ottenere informazioni molto più dettagliate sui tipi di batteri.”

Caffè e vino

Questa analisi del DNA ha permesso di esaminare quali fattori hanno un impatto sulla diversità del microbioma (la comunità batterica intestinale unica per ciascuno di noi). E che sembrano essere molti. Wijmenga dice: “Vedi, per esempio, l’effetto della dieta nell’intestino.” Le persone che consumano regolarmente yogurt o latticello hanno una maggiore diversità di batteri intestinali. Caffè e vino possono aumentare la diversità, mentre il latte intero o una dieta ad alto contenuto calorico possono diminuirla.

“In totale abbiamo trovato 60 fattori dietetici che influenzano la diversità. Che cosa significa esattamente è ancora difficile da dire”, spiega il ricercatore UMCG Alexandra Zhernakova, il primo autore dell’articolo pubblicato in Science. “Ma c’è una buona correlazione tra la diversità e la salute: una maggiore diversità è meglio.”

Al di là della dieta, almeno 19 diversi tipi di medicine – alcuni dei quali vengono ampiamente utilizzate -hanno un impatto sulla diversità del microbioma. Un precedente studio condotto dai ricercatori della Groningen ha dimostrato che gli antiacidi diminuiscono questa diversità, mentre gli antibiotici e la metformina (farmaco per il diabete) hanno anche un effetto. Questi risultati sono importanti Wijmenga sottolinea, “la malattia spesso si verifica come il risultato di molti fattori. La maggior parte di questi fattori: come i vostri geni o la vostra età, non sono cose che si possono cambiare. Ma è possibile modificare la diversità del microbioma adattando la vostra dieta o i farmaci. Quando avremo capito come funziona il processo, si apriranno nuove possibilità. ”

I campioni di feci

Recenti ricerche hanno dimostrato l’importanza di processi. È ora possibile combattere l’obesità attraverso un ‘trapianto fecale’ in cui i batteri intestinali sono introdotti da una persona esile all’intestino di un paziente obeso. Una dieta appropriata o una medicina specifica possono produrre lo stesso effetto sul microbioma.

Attualmente un sacco di ricercatori stanno esaminando il microbioma, ma sembra spesso difficile da riprodurre. È quindi sorprendente come i risultati di un gruppo belga pubblicati nello stesso numero di Science mostrino circa 80 per cento di accordo con quelli del gruppo Groningen. “La chiave è il modo in cui la ricerca è stata fatta”, dice Wijmenga. Ciò che era importante risiede nel come campioni di feci sono stati congelati immediatamente dagli stessi partecipanti, e raccolti dai ricercatori, quando sono ancora congelati. “Quando campioni vengono inviati a mezzo posta, come spesso accade, ed esposti a temperature elevate e all’ossigeno, condizioni per cui alcuni batteri non possono sopravvivere. Questi due articoli scientifici hanno quindi stabilito un nuovo standard per la ricerca futura in questo campo.”

#test3333333333331

Pubblicità