Terapie

W l’infermiere!

Il 12 maggio 1820 nacque Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. L’International Council of Nurses (l’Icn è una Federazione di più di 130 Associazioni nazionali infermieristiche, che rappresentano più di 13 milioni di infermieri nel mondo) ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere.
Da queste pagine, rileggendo le migliaia di articoli emerge una lacuna: si parla esclusivamente di medici e pazienti. Invece si scopre per ultimi la centralità dell’infermiere nella vita con il diabete e in particolare per due aspetti determinanti: l’educazione terapeutica quale parte fondamentale per la vita e la buona gestione del diabete, tra cui l’alimentazione, la somministrazione dell’insulina e il controllo della glicemia.
Nei paesi a cultura anglosassone esiste un infermiere specialistico per il diabete denominato “educatore del diabete”. Negli USA esiste l’AADE: un’organizzazione professionale multidisciplinare dedicata al miglioramento della cura del diabete attraverso l’educazione innovativa, la sua gestione e supporto. Con più di 14.000 membri professionisti tra cui infermieri, dietisti, farmacisti, specialisti dell’esercizio fisico, lavora persone che hanno, sono affetti da diabete, o ne sono a rischio.
In Italia gli infermieri professionali svolgono tali compiti e funzioni nelle nuove strutture nate dalla ristrutturazione della rete dell’assistenza ospedaliera: le case della salute (poliambulatori per grandi aree di popolazione a base polispecialistica medica e assistenziale).
Tre anni fa il Mio Diabete fece un’indagine tramite questionario online per capire meglio il livelli dell’assistenza e consapevolezza della malattia nei diabetici, in specie col tipo 1 adulti, e dai dati emergeva che il 30% aveva partecipato a un corso sulla gestione del diabete. Il 75% conosceva la conta dei carboidrati e un 19% ne aveva sentito parlare. Solo il 25% aveva partecipato a un corso sulla conta dei carboidrati.
Sono dati interessanti poiché fanno emergere quanto lavoro c’è da fare per colmare il divario sopra evidenziato. Nelle casa della salute e nelle ASL della mia Regione, l’Emilia-Romagna, sono diversi i corsi e momenti fi follow-up organizzati per i diabetici di tipo 2. Io stesso ho avuto modo di assistere ad uno di questi strutturato per complessive cinque giornate e organizzato, progettato dall’infermiera della locale casa della salute di concerto col diabetologo e i diversi specialisti a Budrio (BO), con una vasta partecipazione dei pazienti e interazione nel percorso formativo. Un esempio di come il ruolo dell’infermiere educatore in diabetologia è centrale.
Ma naturalmente non basta e perché? C’è un cono d’ombra nell’educazione terapeutica e riguarda i diabetici adulti di tipo 1: praticamente una volta abbandonata la pediatria non si fa nulla o quasi per questa specie minoritaria di diabetici nei lustri a venire, se non tramite eventi sporadici e organizzati fuori dalle strutture ospedaliere, senza un programma lineare e coerente.
Anche questo è un argomento per recuperare la centralità del ruolo dell’infermiere educatore nella vita del e assistenza al diabetico. I medici hanno altri compiti: cura, diagnosi, ricerca. In Germania, nei paesi scandinavi, nel Regno Unito, negli USA e in Francia un centro, ambulatorio di diabetologia per essere accreditato dal servizio sanitario pubblico o dalle assicurazioni private deve obbligatoriamente organizzare un percorso di educazione e informazione terapeutica di almeno 5 giorni ogni 5/10 anni.
Siamo certi che in Italia la concertazione tra Stato, Regioni, Comuni, ASL, sindacati, associazioni di categoria, ordini professionali, associazioni di medici, associazioni di pazienti, aziende farmaceutiche, del biomedicale, dell’industria alimentare, sapranno generare un moto propulsivo nella giusta direzione e volto a dare centralità alla patologia diabetica in ogni suo campo, proprio a partire dal ruolo che devono avere gli infermieri professionali. Grazie e buon lavoro!

#test33333333333311112234445534323