Ricerca

Occhio! La terapia intraoculare impedisce o inverte la retinopatia diabetica sì, ma nei topi

Le alterazioni patologiche della retina causate dal diabete sono la principale causa di cecità negli adulti in età lavorativa con tutti gli oneri e costi sociali ed economici a carico dell’erario pubblico. La retinopatia diabetica non ha alcuna cura conosciuta, le opzioni di trattamento sono inadeguate, e le strategie di prevenzione offrono una protezione limitata, come del resto per tutte le complicanze provocate dal diabete (cuore a parte). Il primo nel suo genere, un rapporto pubblicato in The American Journal of Pathology si descrive un nuovo potenziale trattamento intraoculare che si basa sulla manipolazione del sistema renina-angiotensina (RAS) e che in entrambi previene e inverte alcune caratteristiche della retinopatia diabetica in un modello murino (topi di laboratori).

“Non siamo a conoscenza di un altro studio che dimostrati come una terapia sia grado di invertire questa forma di patologia della retina, in particolare in presenza di persistenti valori d’iperglicemia non trattati”, ha commentato il ricercatore Maria B. Grant, MD, del Eugene e Marilyn Glick Eye Institute di Indiana University, Indianapolis, IN.

“Questa ricerca si basa sull’ipotesi che uno squilibrio tra due assi del RAS è un evento chiave iniziale il quale porta allo sviluppo di complicanze diabetiche microvascolari,” ci ha spiegato il Dr Grant. I due assi sono costituiti dal RAS classico e vasoprotettore. Il proinfiammatorio, vasocostrittore componente RAS classico è normalmente tenuto sotto controllo da un asse vasoprotettivo che è anti-infiammatorio e vasodilatatori. L’enzima di conversione dell’angiotensina-2 (ACE-2) è il principale enzima del componente vasoprotettore. La somministrazione dell’agente terapeutico in esame AAV-ACE direttamente nella cavità del vitreo dell’occhio utilizzando un vettore del virus adeno-associato, aumenta ACE-2.

Gli investigatori hanno utilizzato topi, alcuni dei quali è stato iniettato streptozotocina (STZ) per indurre il diabete. Gli effetti protettivi di AAV-ACE2 sono stati esaminati eseguendo due serie di esperimenti. In una coorte, AAV-ACE2 è stato somministrato due settimane prima dell’iniezione lo STZ. In una seconda coorte, per valutare se l’aumentata espressione di ACE2 poteva invertire la retinopatia diabetica, AAV-ACE2 è stato somministrato sei mesi dopo lo STZ, quando il diabete e la retinopatia erano già stabiliti.

I ricercatori hanno scoperto che entrambe le strategie effettivamente hanno fatto diminuire il numero di cellule infiammatorie presenti nella retina diabetica. L’aggregazione leucostasi-anomali dei globuli bianchi del sangue all’interno dei vasi stata vista solo in animali diabetici trattati con  le iniezioni di controllo. Inoltre, utilizzando endpoint istologici di degenerazione vascolare retinica, chiamati capillari acellulari, il gruppo ha stabilito che l’iniezione di AAV-ACE2 si potrebbe invertire la patologia indotto del diabete. “Questi risultati sono molto eccitante perché è tradizionalmente creduto che questo endpoint di degenerazione vascolare nei capillari acellulari, rappresenti una lesione irreversibile”, ha sottolineato il dottor Grant.

La forza di questo approccio sperimentale è che la somministrazione intravitreale elimina il problema della barriera emato-retinica che interferisce con l’accesso degli agenti terapeutici sistemici-somministrati. I ricercatori prevedono che inducendo la  sovraespressione di ACE2 per migliorare le caratteristiche vascolari e diminuire l’infiammazione può essere tradotto in altre patologie vascolari come l’ictus, le malattie renali e cardiache.

I risultati provocati dalla retinopatia diabetica dalle alterazioni patologiche si riversano sui piccoli vasi sanguigni nella retina. Caratteristiche comuni sono l’infiammazione, leucostasi, e microangiopatia (una condizione in cui le pareti dei capillari diventano così spesse e deboli che sanguinano, con perdite di proteine, e ne rallentano il flusso di sangue).

Prima che qualcosa di concreto si traduca in terapia per gli esseri umani nel arrestare il processo degenerativo provocato dalla retinopatia diabetica ci vorranno come minimo dei decenni. Quindi controlliamo la glicemia e cerchiamo di evitare lunghi scompensi e sciochezze.

#test44444444444444444444444444444444.2222