Donne e diabete

Venus and Mars. I fattori di rischio per la progressione da prediabete a diabete differiscono tra uomini e donne

genereGli uomini che aumentano la loro attività fisica e le donne che abbassano la circonferenza del loro girovita possono ridurre alcuni dei rischi di progressione da prediabete a diabete, secondo i risultati emersi dallo studio pubblicato in Open BMJ Diabetes Research & Care.

Pubblicità

Jingyan Tiang, MD, del dipartimento di endocrinologia e metabolismo a Shanghai, Ruijin Hospital, Shanghai Jiao Tong University School of Medicine, e colleghi hanno dati valutato 334 adulti (età media 57,2 anni; di cui 209 donne) con prediabete della comunità Pingliang, quartiere Yangpu, Shanghai, tra il novembre 2002 e l’ottobre 2014 per identificare i fattori legati al sesso che influenzano 10 anni di esiti di prediabete .

I partecipanti hanno completato un questionario relativo alle caratteristiche demografiche, la storia medica personale e familiare e le abitudini di vita; i ricercatori hanno diviso i partecipanti in base al livello di attività fisica con il terzile più basso designato “inattivo” e i più alte due terzili nei livelli di HbA1c, trigliceridi e colesterolo. “Attivi” sono stati valutati al basale e 10 anni con visite di follow-up (follow-up medio, 10,8 anni).

A 10 anni di distanza il 48% dei partecipanti ha continuato ad avere prediabete, il 29,3% era progredito al diabete  T2 e 22,5% ritornato alla normale regolazione del glucosio . Non sono state riscontrate differenze tra uomini e donne per il cambio di regolazione del glucosio.

Rispetto agli uomini inattivi, quelli che erano attivi risultavano più propensi a tornare alla regolazione del glucosio normale (OR = 3; 95% CI, 1,09-8,3). Per ogni aumento di centimetro della circonferenza del girovita nelle donne, le probabilità per il ritorno alla regolazione del glucosio normale si sono abbassate (OR = 0.94; 95% CI, 0,89-0,98).

Il rischio di progressione verso il diabete era aumentato negli uomini con età più avanzata (OR = 1.09; 95% CI, 1,03-1,16), con un più alto livello di trigliceridi (OR = 1.75; 95% CI, 1,24-2,49) e maggiore di glucosio sulle 2 ore (OR = 1.64; 95% CI, 1,25-2,16). Il rischio era 3,29 volte maggiore negli uomini che hanno fumato rispetto ai non fumatori. Rispetto agli uomini inattivi, gli uomini che erano attivi avevano effetti protettivi sul risultato di progressione a diabete (OR = 0,34; 95% CI, 0.13-0.92). Le donne avevano un aumentato rischio di progressione verso il diabete con ipertensione al basale (OR = 2.38; 95% CI, 1,13-5,03), una storia familiare di diabete (OR = 2.74; 95% CI, 1,23-6,12) o girovita superiore al basale (OR = 1.05; 95% CI, 1,01-1,1).

“Il nostro studio sostiene l’idea che, mentre una certa proporzione della popolazione prediabetica progredisce al diabete, la maggioranza rimarrà in tale stato o tornerà di nuovo al normale regolazione del glucosio”, hanno scritto i ricercatori. “L’attività fisica nei maschi e un più basso girovita nelle femmine favoriscono la reversione da prediabete alla normalità. L’intervento verso prediabete deve quindi dipendere dai diversi soggetti con fattori di rischio articolati per differenza di genere “.

Pubblicità