Ricerca

Ipoglicemia notturna nei bambini con diabete tipo 1

childsleeping0516_980201I bambini con diabete di tipo 1 hanno frequenti esperienze notturne d’ipoglicemia.

L’ipoglicemia notturna si verifica di frequente nei bambini con diabete di tipo 1, ed è principalmente asintomatica, secondo una recente ricerca pubblicata il 19 maggio su Diabetes Care, la rivista scientifica dell’ADA, l’Associazione dei medici diabetologi USA.

Sara Bachmann, PhD, della Clinica Pediatrica dell’Università di Basilea in Svizzera, e colleghi hanno esaminato la frequenza e la durata dell’ipoglicemia notturna nei bambini con diabete. Le misurazioni del glucosio sono state combinate con accelerometro per esaminare l’influenza dell’attività fisica.

I dati completi disponibili ricavati da 51 bambini con diabete di tipo 1 con una durata del rilevamento di più di 6 mesi. Il monitoraggio continuo del glucosio è stata effettuato per 6 giorni e l’attività fisica è stato registrato dall’ accelerometro.

I ricercatori hanno identificato 128 episodi di ipoglicemia notturna, di cui 8 erano sintomatici. Uno o più episodi di ipoglicemia si è verificato nel 32,7% delle notti; la durata dell’ipoglicemia variava da 10 a 665 minuti, con 36% di episodi di durata inferiore a 1 ora.

C’era una correlazione tra l’attività fisica durante il giorno con l’ipoglicemia notturna: 1 ora da moderata a vigorosa attività fisica aumenta il rischio di ipoglicemia notturna del 58% ( P = .009), mentre 1 ora di attività fisica vigorosa aumentato il rischio dell’82 % ( P = .01). Tempo di riposo glucosio inferiore a 108 mg/dl correlata con un aumento di 2,5 volte del rischio di ipoglicemia notturna.

“Nei bambini con diabete, ipoglicemia notturna è molto frequente, per lo più asintomatica, e spesso prolungata per ore”, hanno scritto i ricercatori.

Nel quadro attuale occorre approfondire con ulteriori indagini le dinamiche intracellulari e neurologico ormonali del cosiddetto effetto “rebound” proiettato nell’arco delle dodici ore, che sembra avere conferma ulteriore da quanto risulta nella ricerca svizzera. Nei bambini diabetici il processo è più rapido spesso, ma il fenomeno clinico permane oltre l’infanzia e adolescenza tracciando una sorta di impronta nei geni e per la quale necessitiamo di saperne di più.

In collaborazione con il Diabetes Research Institute, Helmholtz Zentrum München nel secondo semestre del 2016 partirà proprio una ricerca finalizzata a capire nel profondo tutte le dinamiche della curva ipoglicemica, anche con intreccio combinato al trial del vaccino per il diabete tipo 1 denominato Fr1da.

La Medtronic ha fornito i sensori iPro e Enlite per lo studio.