Emozioniamo

La consapevolezza può aiutare le persone a gestire il loro diabete tipo 1?

canmindfulneUno studio per esplorare se una tecnica simile alla meditazione può essere utilizzata per aiutare gli adulti che lottano nel gestire il diabete di tipo 1 migliorare il loro controllo del diabete e il loro benessere emotivo è in corso presso l’Università di Aberdeen.

In collaborazione con i ricercatori delle Università di Glasgow e Stirling, e il personale medico consulente presso il NHS Grampian e NHS Greater of Glasgow e Clyde, lo studio pilota tenterà di verificare se la pratica consapevolezza porta ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue e le riduzioni d’ansia e depressione .

Alcune persone con diabete possono trovare difficile vivere con la malattia e di dover svolgere compiti complessi più volte al giorno per regolare i livelli della glicemia.

Circa un terzo degli adulti con diabete sperimenta livelli significativi di ansia e depressione e questo può rendere ancora più difficile loro da gestire in modo efficace la condizione.

Un programma appositamente progettato di terapia cognitiva mindfulness-based è stato presentato come test informale dagli psicologi al NHS Grampian per ridurre i sintomi di ansia e depressione nelle persone con diabete. Questo studio pilota esplorerà l’effetto di questo trattamento tra gli adulti con diabete di tipo 1, i cui livelli della glicemia sono nettamente al di sopra di certi valori consigliati. In caso di successo si porranno le basi per uno studio più ampio su scala.

I ricercatori sono in procinto di invitare i volontari per prendere parte allo studio.

Gestione del diabete di tipo 1

Le persone con diabete di tipo 1 devono bilanciare costantemente tre fattori chiave della loro vita: i carboidrati nel cibo che spingono i livelli della glicemia, mentre l’iniezione di insulina e impegnarsi in attività di controllo dei livelli di glucosio. Cibi diversi hanno quantità differenti di glucosio e rilasciano tassi variabili. Alcune insuline lavorano in modi diversi, e alcune attività bruciano glucosio a tassi più rapidi di altri. Si tratta di un infinito complesso di destrezza.

“Così come fanno del loro meglio per gestire la condizione, come tutti gli altri, le persone con diabete di tipo 1 hanno a che fare con i soliti alti e bassi della vita. Non è sorprendente che alcune persone con diabete possano diventare ansiose e depresse,” spiega il Dott Andy Keen, uno psicologo specializzato in diabete presso l’Università di Aberdeen e NHS Grampian, e investigatore a capo dello studio.

“Entrambe queste condizioni hanno caratteristiche che rendono la gestione del diabete ancora più difficile. Per esempio, le persone ansiose hanno alti livelli di ormoni dello stress, come adrenalina e cortisolo, e questo causa eccesso di rilascio di glucosio nel flusso sanguigno, spingendo ad avere l’iperglicemia. Inoltre, la depressione è caratterizzata da stanchezza e scarsa motivazione, il che può rendere difficile dedicare tempo ed energia necessaria per gestire le condizioni complesse a lungo termine come il diabete.

“L’ansia e la depressione sono caratterizzati da certi stili di pensiero, cioè preoccupazione e rimuginare. La preoccupazione è uno stile di pensiero che si concentra sulle future catastrofi immaginarie che raramente, se mai, in realtà si verificano ed è spesso accompagnata dal pianificare cosa fare se dovesse accadere. Lo rimuginare d’altra parte è spesso focalizzato sul passato, e riguarda riflessioni continue sui nostri difetti e come sono immaginati, a causa di questi, la vita è improbabile che migliori. Gli psicologi e gli altri credono che questi modi inutili di pensare mantenere ansia e depressione. ”

Qual è la consapevolezza e come può essere d’aiuto?

“E ‘meglio pensare alla consapevolezza come una competenza”, continua il dottor Keen. “E ‘un modo per aiutare le persone a essere meglio in grado di concentrarsi sul qui e ora ‘della loro vita’, e disimpegnarsi da modi di pensare inutili, come la preoccupazione e recriminazione.

“Se si cambia il modo di pensare, allora si cambia il loro modo di sentire. Sappiamo sicuramente che l’ansia e la depressione possono essere barriere significative nella gestione efficace del diabete, e alleviandole possiamo dare alle persone l’opportunità di investire più tempo ed energia nel badare a se stessi, se vogliono farlo.

“Una delle cose pionieristiche che abbiamo fatto qui a Aberdeen, ai McLeod Center JJR per il diabete, Endocrinologia e Metabolismo, è di includere nei nostri programmi di mindfulness un focus sulla promozione dell’autogestione, perché idealmente vorremmo persone che migliorino la loro qualità di vita, come così come la loro salute”.

Lo studio avrà una durata di due anni.

I partecipanti saranno tenuti a frequentare un gruppo di consapevolezza una sera alla settimana per otto settimane, e praticare la consapevolezza a casa. Oltre ad osservare quanto bene i partecipanti riescono a gestire i loro livelli di glucosio nel sangue, e di ansia e depressione, prima, durante e dopo lo studio, i ricercatori di Aberdeen e Glasgow valuteranno la misura in cui le persone con tipo 1 diabete sono pronti a impegnarsi in questo tipo di approccio.