Ricerca

Una buona notizia: i vecchi diabetici americani vivono più a lungo e senza disabilità, lo mostra uno studio

Adv

Danza

Lo studio ha esaminato le tendenze di vita negli anni con disabilità tra un campione nazionale di adulti statunitensi nati negli anni 40 rispetto agli anni 30. Essi hanno scoperto che gli adulti con diabete nati nel 1940 in generale diventano disabili dopo e vivono più tempo senza disabilità a 70 anni. Lo studio non ha fatto distinzione persone con tipo 1 e diabete di tipo 2.

“Negli ultimi due decenni, abbiamo assistito ad un aumento della lunghezza di anni buoni di vita senza disabilità in anziani americani di età compresa tra 50-70 con e senza diabete”, spiega l’autore Dr. Barbara Bardenheier dall’US Centers for Disease Control & Prevention. “I nostri risultati suggeriscono che gli sforzi per promuovere stili di vita sani, i progressi nella gestione del diabete e di altre malattie croniche, come le malattie cardiache, e la crescente popolarità di procedure come gli interventi all’anca e ginocchio sono riusciti a ‘comprimere la disabilità’-riducendone numero di anni con disabilità fino a 70 anni ”

Tuttavia, gli autori avvertono che la tendenza vista in questa generazione più vecchia non può continuare con l’invecchiamento della popolazione e una maggiore probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 accompagnata dall’aumento dei tassi di obesità, cattiva alimentazione, l’alcool, l’inattività fisica fa si che il diabete sta diventando un fattore sempre più comune. Negli Stati Uniti, l’incidenza e la prevalenza del diabete di tipo 2 è più che raddoppiata negli ultimi 20 anni, e oltre 21 milioni di americani vivono con il diabete. Con la stragrande maggioranza dei casi di diabete di tipo 2 negli adulti sopra i 65 anni prevenibili, gli autori dicono che gli sforzi per prevenire l’insorgenza del diabete continueranno ad avere un maggiore impatto sul miglioramento della salute.

Una sostanziale riduzione della mortalità significa che le persone con diabete vivono più a lungo e, anche se i tassi annuali di diverse complicazioni legate al diabete come infarto, ictus, e amputazioni sono scesi notevolmente negli ultimi 20 anni negli Stati Uniti, non è chiaro se questi anni in più della vita con il diabete sono vissuti con o senza disabilità.

In questo studio, un team di ricercatori americani ha analizzato i dati relativi agli adulti di età compresa tra 50 e 70 sia con (1367) e senza (11414) il diabete, esaminando un campione rappresentativo a livello nazionale di oltre 20.000 anziani americani ogni 2 anni. Hanno confrontato tre tipi di disabilità, tra cui la mobilità ridotta, meno capacità di svolgere le attività della vita quotidiana come fare il bagno o mangiare, e ridotta capacità di svolgere attività strumentali della vita quotidiana, come l’uso del telefono, lo shopping, e la preparazione dei pasti, così come recupero da disabilità e morte tra le due coorti. La coorte 1 era composta dai nati negli anni  1930 e seguita nel periodo 1992-2002, e la coorte 2 vedeva i nati negli anni 1940 ed è stata seguita nel periodo 2002-2012 (tabella 1). Il modello è stato utilizzato per valutare e confrontare il numero di anni vissuti con e senza disabilità da parte delle persone settantenni con e senza diabete.

Gli anni utili di vita libera da disabilità e la compressione della disabilità sono stati osservati in adulti con e senza diabete e attraverso i tre tipi di disabilità. Tuttavia, dai 50 anni, adulti che vivono con il diabete in entrambe le coorti avevano ridotto l’aspettativa di vita prima dell’età di 70 e un più alto numero di anni vissuto con disabilità rispetto alle persone senza diabete.

Gli adulti che vivono con il diabete che sono nati negli anni 40 hanno sperimentato un ritardo in tutti i tipi di disabilità e un aumento maggiore negli anni liberi da disabilità di vita rispetto agli adulti che vivono con il diabete nati negli anni 30 e che hanno vissuto più tempo senza disabilità prima dei 70 anni d’età. Per esempio, un uomo che vive con il diabete da 50 anni e nato nel 1940 ha subito un ritardo nella età media di insorgenza della disabilità per tutti e tre i tipi della stessa (0,8 a 2,3 anni più tardi), rispetto a quelli nati dieci anni prima, mentre vive 1,3 anni più a lungo e un minor numero di anni con una disabilità (0,4-1,0 meno; tabella 3) prima dei 70 anni I risultati sono simili per le donne che vivono con il diabete (tabella 4).

Gli autori notano che la loro ricerca è stata limitata dalla mancanza di dati oltre 70 anni, inoltre il modello non ha valutato i fattori come l’obesità, l’attività fisica e alta pressione sanguigna, l’istruzione, e la depressione che potrebbe spiegare molte delle differenze visti tra quelli con e senza diabete.

Secondo il co-autore Dr Edward Gregg del CDC, “Noi non sappiamo se questa compressione della disabilità nei pazienti con e senza diabete continuerà. Le probabilità di soccombere al diabete di tipo 2 sono strettamente connesse allo stile di vita. Il fumo, una dieta non sana , alcol, e l’inattività fisica possono tutti richiedere un prezzo da pagare. In ultima analisi, la prevenzione avrà un ruolo importante nel raggiungimento di più anni di vita in buona salute e libera da disabilità. ”

Scrivendo in un commento collegato, Dr Evelyn Wong dalla Deakin University, Melbourne, Australia, dice, “Questo studio è importante in quanto mette in evidenza il successo e i progressi nella gestione delle malattie croniche nel posticipo della disabilità … [Tuttavia] futuri studi sul costo di questo rinvio della disabilità alla luce della crescente prevalenza del diabete devvono essere considerati … come l’invecchiamento della popolazione e le politiche in materia di età pensionabile e l’ammissibilità alla pensione diventano un dibattito sempre più importante, gli studi futuri volti ad accertare la compressione o l’espansione della disabilità dovrebbe concentrarsi sulle differenze attraverso gradienti sociali. I programmi per promuovere la compressione della disabilità possono avere bisogno di indirizzare i gruppi più socialmente svantaggiati specificamente per ridurre le disparità di salute attraverso strati sociali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: