Ricerca

Muffin buono?

muffinE’ difficile pensare alla tipica focaccina di tradizione angloamericana, spesso carica di grassi saturi e un elevato numero di calorie, come seclta di cibo sano per definizione. Ma un pezzo di muffin, realizzato con una ricetta speciale formulata dal Dipartimento Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), ha prodotto benefici per la salute imprevisti durante un primo, nel suo genere, studio clinico effettuato presso l’Università del Maryland School of Medicine.

Lo studio ha esaminato un modo per sostituire i grassi saturi di origine animale con i grassi insaturi vegetali nelle focaccine fatte per i pazienti con sindrome metabolica, un insieme di fattori di rischio che interessano circa un terzo degli adulti negli Stati Uniti, e che fanno aumentare in loro possibilità di incappare su malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.
I ricercatori hanno testato i due tipi di grassi insaturi: i grassi monoinsaturi (MUFA) e grassi polinsaturi (PUFA). Rispetto agli acidi grassi monoinsaturi, i pazienti nel gruppo PUFA avevano perso più peso, con livelli della pressione sanguigna e dei trigliceridi inferiori e una maggiore dilatazione dei vasi sanguigni (una risposta sana). Il venticinque per cento dei partecipanti del gruppo PUFA hanno beneficiato di una conversione da sindrome metabolica a metabolicamente normale rispetto a solo il 10 per cento dei soggetti nel gruppo MUFA.
“I risultati ci hanno sorpreso, perché, sulla base di altri studi, avevamo ipotizzato che i MUFA (grassi monoinsaturi) potessero dare risultati superiori ai PUFA (grassi polinsaturi) per la perdita di peso e il miglioramento dei parametri legati al cuore,” dice l’autore Michael Miller, MD, professore di medicina cardiovascolare all’università del Maryland School of Medicine e cardiologo al Medical center dello stesso Ateneo. “I muffin sono stati  elaborati sulla base di una apposita ricetta sviluppata dall’USDA appositamente per questo studio, e entrambe le varietà assaggiate erano davvero buone.”
Miller aggiunge che, mentre sono necessarie ulteriori ricerche dopo questo piccolo studio con 39 partecipanti, “La linea di fondo dalla nostra ricerca è che i PUFA possono essere il sostituto di scelta per i grassi saturi, soprattutto in uomini e donne che sono in sovrappeso, con ipertensione, diabete, o sindrome metabolica “.
Miller dice che la risposta in questo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Lipidology, può confermare altri risultati della ricerca sui grassi polinsaturi: “Dati recenti suggeriscono che i PUFA (ma non CFUM) attivano la segnalazione nel cervello per ridurre l’appetito, quindi possono essere una ragione del calo di peso più grande tra i gruppi. ”

Miller e il suo team stanno prendendo in considerazione la valutazione di altri grassi sani PUFA, dalle piante e omega-3 di origine marina.

dr. Michael Miller

dr. Michael Miller