Donne e diabete

Un modo migliore per predire il diabete tipo 2 nelle donne gravide

Michael Wheeler

Michael Wheeler

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto una precisa e semplice nuova modalità per prevedere quali donne con diabete gestazionale svilupperanno il diabete di tipo 2 dopo il parto. La scoperta potrebbe consentire agli operatori sanitari di identificare le donne a più alto rischio e contribuire a stimolarle nel cambiare stile di vita precocemente e seguire altre strategie che potrebbero impedire di sviluppare la malattia più tardi nella vita.

Il diabete gestazionale è definito come intolleranza al glucosio e viene identificato  prima durante la gravidanza. Esso si verifica dal 3 al 13 per cento di tutte le donne in stato di gravidanza, e aumenta il rischio di una donna di sviluppare il diabete di tipo 2 dal 20 al 50 per cento entro cinque anni dopo la gravidanza.

Gli sforzi congiunti dell’Università di Toronto e precisamente da Michael Wheeler, professore presso il Dipartimento di Fisiologia, e Erica Gunderson, Senior Research Scientist con il Kaiser Permanent Division Northern California Research, hanno portato allo sviluppo di una tecnica chiamata metabolomica mirata, per meglio prevedere lo sviluppo del diabete di tipo 2 nelle donne con diabete gestazionale recente. Tipicamente, il diabete viene diagnosticato misurando i livelli di zucchero nel sangue sotto forma di glucosio, un combustibile importante utilizzato dalle cellule nel corpo. I ricercatori hanno identificato diversi altri metaboliti che indicano i primi cambiamenti i quali significano un futuro rischio di diabete molto tempo prima che i cambiamenti nei livelli di glucosio si verifichino.

Il team ha testato campioni di sangue a digiuno raccolti da donne con diabete gestazionale entro i due mesi dopo il parto – prevedendo con esattezza l’83 per cento delle donne che avrebbero sviluppato la malattia in seguito. Questi risultati erano significativamente migliori nel predire lo sviluppo di diabete di tipo 2 rispetto ai metodi convenzionali, un test di sangue a digiuno seguita da altro test scomodo  di tempo e tolleranza al glucosio orale.

“Dopo aver partorito, molte donne possono trovare estremamente difficile programmare due ore per un altro test del glucosio”, dice Wheeler, che è anche un Senior Scientist presso l’Istituto di Toronto Generale di Ricerca. “E se riuscissimo a creare un test molto più efficace che potrebbe essere dato alle donne mentre sono ancora in ospedale? Una volta che il diabete si è sviluppato, è molto difficile da invertire.”

“La prevenzione precoce è la chiave per ridurre al minimo gli effetti devastanti del diabete sui risultati per la salute,” dice il Dott Gunderson. “Per identificare le donne subito dopo il parto, siamo in grado di concentrare le nostre risorse su quelle a maggior rischio e che possono beneficiare maggiormente degli sforzi di prevenzione precocemente concertati.”

I campioni di sangue a digiuno usati per questo studio sono stati ottenuti da 1.035 donne con diagnosi di diabete gestazionale e arruolate nello studio del Kaiser, noto anche come il SWIFT, che è stato finanziato dal National Institutes of Health USA (R01 HD050625). Lo studio SWIFT è uno screening delle donne con test di tolleranza al glucosio orale a 2 mesi dopo il parto e poi successivamente ogni anno per valutare l’impatto dell’allattamento al seno e altre caratteristiche per lo sviluppo di diabete di tipo 2 dopo una gravidanza complicata da diabete gestazionale.

L’American Diabetes Association raccomanda lo screening del diabete tipo 2 da sei a 12 settimane dopo il parto nelle donne con diabete gestazionale, e ogni anno a tre anni di distanza dal parto, per tutta la vita. La natura del test del glucosio orale di due ore, in termini di tempo si crede possa essere uno dei motivi per i bassi tassi di conformità in meno del 40 per cento su alcune impostazioni.

Il nuovo metodo può anche essere in grado di prevedere gli individui che possono sviluppare il diabete di tipo 2 nella popolazione generale – un grande passo avanti nel momento in cui più di 300 milioni di persone soffrono la forma evitabile di questa malattia. Un esame del sangue di nuova generazione che è più semplice e preciso rispetto alle opzioni correnti sarebbe d’aiuto nell’identificare le persone che potrebbero beneficiare maggiormente di interventi più tempestivi ed efficaci per prevenire il diabete di tipo 2.

Wheeler e Gunderson sperano ora di condurre ulteriori test nelle donne con diabete gestazionale per valutare le differenze etniche e razziali e la previsione, e indagare i gruppi ad alto rischio con prediabete per sapere se la metabolomica sarò in grado di predire il diabete di tipo 2 nella popolazione generale.