Batticuore Ricerca

Il tuo sangue può rivelare il rischio di malattie cardiache

Adv
Ana Bye

Nuovi biomarcatori possono aiutare a identificare il rischio di una persona di incorrere in malattia cardiaca  con maggiore precisione rispetto ai soli fattori di rischio tradizionali

Quando si visita il nostro medico di medicina generale è possibile ottenere le analisi del sangue tradizionali del colesterolo e trigliceridi, per avere un’idea sul rischio di malattie cardiovascolari. Con ulteriori informazioni sull’indice di massa corporea (BMI), abitudine al fumo e la pressione sanguigna, si può calcolare il rischio a 10 anni per le malattie cardiovascolari. Ci sono diversi calcolatori di previsione del rischio oggi disponibili.

Tuttavia, l’uso di questi parametri di previsione del rischio è diminuito nel contesto delle cure primarie, perché i sistemi di calcolo attualmente disponibili spiegano solo una parte modesta dell’incidenza. Per infarto miocardico, si stima che il 15-20% dei pazienti non ha avuto alcuno dei fattori di rischio tradizionali e sarebbe classificato come “a basso rischio”.

“Il nostro studio ha dimostrato che, misurando una combinazione di cinque diversi fattori presenti nel microRNA e l’aggiunta di queste informazioni con i tradizionali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, potremmo individuare coloro che stanno per sperimentare un infarto del miocardio con notevolmente miglioramento della precisione”, dice Anja Bye, primo autore di uno studio recentemente pubblicato su Journal of Molecular and Cellular Cardiology e ricercatore presso lo KG Jebsen – (CERG) nell’Università norvegese della scienza e tecnologia (NTNU). I colleghi presso l’Università di Oslo e il Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina Generale (NTNU) hanno collaborato a questo studio.

Ci sono stati diversi tentativi nel corso degli ultimi anni di migliorare i calcoli nella previsione del rischio con l’aggiunta di nuovi marcatori biologici. Alcuni calcolatori aggiungevano informazioni di un marcatore dell’infiammazione del sangue chiamato CPR (proteina C-reattiva) o un marcatore chiamato diabetico HbA1c (emoglobina glicosilata). Questo aumenta la precisione dei calcolatori, ma ancora non vi era la necessità di nuovi marcatori bio cardiovascolari che potevano integrare la valutazione dei fattori di rischio tradizionali, per identificare i soggetti a rischio con maggiore precisione rispetto a oggi.

Esso si basa su quello che i ricercatori hanno progettato nello studio per esplorare la possibilità di un nuovo tipo di marcatore bio chiamato microRNA circolante, e predire il rischio di 10 anni per infarto del miocardio.

La coorte dello studio era composta da 212 partecipanti sani (40-70 anni) dal Nord-Trøndelag Health Study 2 (HUNT2, raccolei sangue nel 1996) che o sono morti da infarto miocardico entro 10 anni o sono rimasti in buona salute al momento dell’HUNT3 (2006). 179 differenti microRNA sono stati quantificati in campioni di sangue da questi partecipanti.

“Per tutti gli studi sui marcatori bio, la replica dei risultati su nuove ricerche è essenziale per determinare la forza dei marcatori biologici, e valutare l’uso potenziale in un ambiente clinico. Questo è il motivo per cui abbiamo avviato un nuovo studio, in collaborazione con il Karolinska Institutet, e testare ulteriormente questi microRNA nei nuovi partecipanti alla caccia del risultato”, dice la Bye. Due studenti di medicina provenienti dal CERG lavoreranno su questo studio in autunno, e ci aspettiamo di avere i nuovi risultati pronti per la pubblicazione nel gennaio 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: