Ricerca

Il robot Charlie nuovo migliore amico per i bambini con il diabete tipo 1

Robot(AFP) 10 luglio 2016 – Cheeky Ruben ha solo sette anni e sta imparando a leggere. Ma grazie al suo nuovo compagno di vita il robot Charlie può sapientemente misurare il livello dello zucchero nel sangue e contare i carboidrati presenti in un bicchiere di latte.

Pubblicità

Tali capacità potrebbero essere impensabili per il biondo ragazzo olandese a cui è stato diagnosticato il diabete tipo 1 poco più di un anno fa.
Proprio come gli altri bambini della sua età, egli partecipa a feste di di compleanno, va in sella alla sua bicicletta o gioca ai videogame. Ma queste attività possono gettare nel caos la sua glicemia, e, a differenza dei suoi coetanei, Ruben deve imparare come navigare tra i potenziali campi minati rappresentati dalla gestione di una malattia che si terrà per tutta la sua vita.
Ci sono circa circa 6.000 bambini in tutta l’Olanda con diabete di tipo 1 dall’infanzia. E almeno uno all’anno muore a causa della malattia.
Ora, grazie ad una collaborazione unica tra gli operatori sanitari, ingegneri di robotica e accademici dei Paesi Bassi, Italia, Germania e Gran Bretagna, le famiglie che lottano per conoscere la malattia e gestirla su base giornaliera hanno un nuovo allenatore dalla loro parte nella vita.
E’ un robot amichevole rosso e bianco chiamato Charlie, con braccia e gambe, grandi occhi rotondi e altoparlanti travestiti da orecchie, che può parlare e danzare.
Circa 40 bambini olandesi sono stati finora coinvolti nella sperimentazione, la prima fase di un progetto finanziato dall’UE per quattro anni lanciato nel marzo 2015.
I pazienti giovani possono chattare con Charlie durante le visite in clinica, attualmente viene sperimentato in due ospedali in Olanda e uno in Italia. E i bambini hanno accesso all’avatar gemello di Charlie ogni volta che vogliono sui loro tablet e computer a casa.
C’è una quantità di cose impressionante da imparare.
“Un bambino e un genitore con il diabete pensano sul diabete ogni 10 /15 minuti al giorno”, ha detto il pediatra Gert Jan van der Burg, direttore medico presso l’ospedale Gelderse Vallei nella città olandese di Ede.
Rischio coma
Nel diabete di tipo 1, il pancreas non riesce a produrre l’ormone dell’insulina necessaria per abbattere gli zuccheri nel sangue e convertirli in glucosio utilizzato per produrre energia. Questo li porta a livelli pericolosi (iper e ipoglicemia, chetoacidosi). L’unico modo per controllare la malattia è prendendo regolarmente insulina tramite iniezioni o una pompa.
I bambini e genitori devono capire le iniezioni, i livelli di zucchero nel sangue, l’assunzione di carboidrati, sapendo quanta insulina debbono prendere. Troppa o troppo poca può causare reazioni avverse gravi: tremori, convulsioni e perfino coma.
“E ‘un peso enorme e questo è il motivo per cui un sacco di bambini con diabete hanno anche molti problemi sociali,” Van der Burg ha detto alla AFP.
Mangiare una torta, andare in fast food, giornate sportive, anche un’ora su un videogioco preferito a bambini tutti può provocare una impennata micidiale dei livelli della glicemia pericolosamente verso l’alto o troppo in basso.
“Che cosa si deve fare se si sente ipo?” Charlie chiede a Ruben in una sessione di gioco, facendo riferimento all’ ipoglicemia quando gli zuccheri nel sangue sono troppo bassi.
Charlie può parlare in olandese e italiano, al momento, ma le domande sono anche scritte su di una tavoletta di fronte al bambino, con una risposta secca: “vero o falso?”
Il mini robot è attualmente rivolto a bambini di età compresa tra i 7 e 13/14 anni.
“Abbiamo notato che egli sta contando i suoi carboidrati molto di più”, ha detto la mamma di Ruben, Caroline van As.
Anche se è più veloce, lei sa che “imparare, è la sua vita”.
“Cerchiamo di vivere una vita normale il più possibile, anche se sappiamo che potrebbe soffrire il giorno successivo.”
A differenza del diabete più comune di tipo 2 che si sviluppa più frequentemente in adulti e deriva da stili di vita non salutari, la causa esatta del tipo 1 è sconosciuta. La genetica gioca un ruolo, ma i ricercatori credono che ci sia anche un fattore ambientale ancora sconosciuto, come forse un virus ad azione lenta.
Il progetto  con un fondo stanziato pari a $ 4500000 chiamato Personal Assistant per un stile di vita sano (PAS) è frutto della collaborazione tra l’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica applicata, TNO, e le sue controparti italiane e tedesche FCSR e DFKI così come TU Delft University e Imperial College di Londra.
Supporto emotivo
Esso mira a sviluppare “un nuovo tipo specifico di caratteri che supporti i bambini ad affrontare la malattia, per imparare ciò che la malattia è, per impararne gli effetti con esercizi, come il cibo per esempio”, ha detto ricercatore senior Mark Neerincx, da TU Delft.
I bambini sono profondamente consapevoli d’essere diversi dagli altri, Charlie fornisce anche “sostegno sociale, che li aiuta ad esprimere i loro sentimenti anche quando si sentono male … si può dire che il robot condivide alcune esperienze”.
Charlie costruisce un profilo di ogni bambino, così si arriva a conoscere le loro simpatie e antipatie.
“Di Charlie il bello è che lui fa domande su di me. Mi piace giocare con lui, mi sta aiutando a imparare cose sul diabete”, ha detto  Sofiye Boyuksimsek, 10 anni d’età con diabete diagnosticato due anni fa .
I ricercatori stanno ora espandendo le prove per valutare meglio le esigenze dei bambini e dei genitori, oltre a migliorare la voce di Charlie e rendere la sua interazione più colloquiale.
“Non è solo che vogliono conoscere la diabete. Un po ‘di conversazione con il robot è già molto preziosa,” ha aggiunto Olivier TNO ricercatore Blanson Henkemans.

Pubblicità