Emozioniamo Ricerca

Percezioni differenti del diabete tipo 1 tra adolescenti maschi e femmine

Adv

giovani

Linea Wisting, PhD, della divisione salute mentale, Dipartimento per i disturbi alimentari, Oslo Diabetes Research Center della Oslo University Hospital in Norvegia, e colleghi hanno valutato 105 adolescenti (ragazze, n = 61; età media, 15.7 anni) con diabete tipo 1 (età media di esordio, 9,6 anni, durata media, 5,7 anni; HbA1c, 8,6%) per determinare le barriere psicologiche alla terapia ottimale insulinica con un focus sulle differenze di genere e tipo di trattamento.

Il sessantacinque per cento usa pompe per insulina e il 33,7% utilizza penna per insulina. I partecipanti hanno completato il breve questionario sulla percezione della malattia, le credenze circa i farmaci, e il senso dell’orientamento per le esperienze problematiche dell’adolescente. Il Registro norvegese del diabete giovanile è stato utilizzato per raccogliere i dati clinici.

Le ragazze hanno avuto un punteggio più alto sul questionario relativo alla percezione della malattia rispetto ai maschi (39,7 vs. 28,5). Su tutte le voci del questionario, le ragazze hanno avuto una percezione negativa maggiore del loro diabete di tipo 1 rispetto ai ragazzi ( P <.05). Quando si confrontano tipo di trattamento, i partecipanti utilizzando una penna per insulina avevano opinioni più negative circa il controllo del trattamento rispetto a coloro che utilizzano pompe per insulina ( P <.05).

Rispetto ai ragazzi, le avevano raggiunto ragazze più alti in relazione alle preoccupazioni derivate dall’utilizzo dell’insulina ( P <.001), suggerendo che le ragazze hanno percezioni più negative e maggiori preoccupazioni per l’insulina rispetto ai ragazzi. Non sono state riscontrate differenze tra ragazzi e ragazze per la percezione sulla necessità di fare l’insulina. Allo stesso modo, nessuna differenza esistevano tra i tipi di trattamento per le credenze circa l’insulina.

Strategie di crescita sono risultate simili tra i gruppi oggetto del rilevamento, ma l’approccio di maturazione più positivo è stato indicato tra le ragazze a causa dei punteggi più alti su “l’essere sociale” e “risolvere i problemi familiari” ( P <.01 per entrambi).

“Valutare e affrontare le barriere psicologiche alla terapia ottimale con l’insulina può essere un importante punto di partenza a livello clinico per il trattamento, e un possibile supplemento al livello somatico per le cure nel diabete di tipo 1”, hanno scritto i ricercatori. “Dati normativi su tali misure possono facilitare l’interpretazione dei punteggi individuali, anche se va notato che i punteggi medi riportati in questo studio sono a livello di gruppo, e che gli individui possono segnarli in modo diverso, indipendentemente dal loro sesso. Un approccio terapeutico multidisciplinare integrato che includa gli aspetti psicologici potrebbe ampliare la nostra comprensione del perché solo un terzo degli adolescenti attualmente raggiungere l’obiettivo di trattamento internazionale di HbA1c <7,5% e potrebbero potenzialmente contribuire ad una migliore trattamento e conseguente riduzione del rischio di diabete grave ritardando le complicazioni.”

Nota personale a margine dell’autore: togliere il potrebbe con: deve.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: