Mangiare

Perché i dolcificanti artificiali possono aumentare l’appetito

578504c7d8d80Gli studi condotti  sia sugli animali che negli esseri umani indicano che il consumo di dolcificanti artificiali può far sentire la fame e in realtà porta a mangiare di più. Un ricco nuovo studio co-condotto dall’Università di Sydney ha rivelato per la prima volta il motivo per cui si verifica questa risposta.

Pubblicità

Pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista Cell Metabolism, i risultati mettono in luce gli effetti dei dolcificanti artificiali sul cervello nella regolazione dell’appetito e nel modificare le percezioni gustative.
I ricercatori dell’Università Perkins Centre Charles di Sydney e del Garvan Institute medical research hanno identificato un nuovo sistema nel cervello che rileva ed integra il contenuto della dolcezza e l’energia del cibo .
“Dopo l’esposizione cronica a una dieta che conteneva il dolcificante artificiale sucralosio, abbiamo visto che gli animali hanno cominciato a mangiare molto di più”, ha detto il ricercatore Professore Associato Greg Neely presso l’Università Facoltà di Scienze di Sydney.
“Attraverso l’indagine sistematica di questo effetto, abbiamo scoperto che dentro i centri di ricompensa del cervello, la sensazione del dolce è integrata con un forte contenuto energetico. Quando dolcezza contro l’energia è fuori equilibrio per un periodo di tempo, il cervello ricalibra e aumenta il totale delle calorie consumate.”
Nello studio, sui moscerini della frutta che sono stati esposti ad una dieta cucita con dolcificante artificiale per periodi prolungati (più di cinque giorni) sono stati trovati a consumare il 30 per cento in più calorie quando poi gli sono stati dati alimenti naturalmente zuccherati.
“Quando abbiamo studiato perché gli animali mangiavano di più, anche se avevano abbastanza calorie, abbiamo scoperto che il consumo cronico di questo dolcificante artificiale in realtà aumentava la dolce intensità dei beni nutritivi dello zucchero, e quindi faceva crescere la motivazione generale dell’animale a mangiare di più”, ha detto Professore Associato Neely.
Miliardi di persone in tutto il mondo consumano dolcificanti artificiali e sono prescritti come uno strumento per trattare l’obesità, nonostante poco di questi conosciamo fino ad ora relativamente al loro pieno impatto sul cervello e nella regolazione della fame.
Questo è il primo studio a individuare come i dolcificanti artificiali sono in grado di stimolare l’appetito, identificando una rete neuronale complessa che risponde all’addolcimento artificiale del cibo dicendo all’animale che non ha mangiato abbastanza.
“Utilizzando questa risposta addolcita artificialmente nelle diete, siamo stati in grado di mappare in modo funzionale una nuova rete neuronale che bilancia l’appetibilità del cibo con contenuto energetico . Il percorso che abbiamo scoperto è parte di una risposta di inedia conservata che rende meglio di fatto il gusto nutriente del cibo quando si sta morendo di fame,” ha detto Professore Associato Neely.
I ricercatori hanno anche scoperto che i dolcificanti artificiali promuovono l’iperattività, insonnia e diminuzione della qualità del sonno – comportamenti coerenti con un inedia lieve o digiuno – con effetti simili sul sonno anche precedentemente riportati negli studi sull’uomo.
Per scoprire se i dolcificanti artificiali hanno aumentato anche l’assunzione di cibo nei mammiferi, il laboratorio del Professor Herbert Herzog del Garvan hanno poi replicato lo studio utilizzando i topi. Anche i topi che hanno consumato una dieta dolcificata con sucralosio per sette giorni sono stati visti mostrare un significativo aumento del consumo di cibo, e il percorso neuronale coinvolto era lo stesso come nei moscerini della frutta.
“Questi risultati rafforzano ulteriormente l’idea che le varietà ‘senza zucchero’ di alimenti trasformati e bevande non possono essere inerti come abbiamo anticipato. I dolcificanti artificiali possono effettivamente cambiare la percezione degli animali della dolcezza del loro cibo, con una discrepanza tra i livelli di dolcezza ed energia inducendo un aumento del consumo calorico, “ha detto il professor Herzog.

Pubblicità