Terapie

Ricorrenti episodi di chetoacidosi diabetica possono essere mortali

DKAUn nuovo studio pubblicato sull’ultimo numero di Diabetologia (giornale della Associazione Europea per lo Studio del Diabete [EASD]) mostra che episodi ricorrenti di chetoacidosi diabetica (DKA) rappresentano una condizione potenzialmente pericolosa per la vita causata da alti livelli acuti di glucosio nel sangue, e sono associati con alti tassi di mortalità e morte precoce, soprattutto nei giovani, adulti socialmente svantaggiati, e nelle persone con problemi di salute mentale.

I principali risultati del nuovo studio sono che l’età media al momento della morte era solo di 32 anni in pazienti con 5 o più ricoveri per DKA rispetto ai 53 d’età nei gruppi con 2 – 5 ingressi o un singolo ingresso. Gli autori dicono: “Sorprendentemente la maggior parte dei fattori di rischio di morte, da 1 a 5  è stata osservata nei soggetti con una più alta frequenza di presentazione di DKA, su una mediana di 2,4 anni di follow-up, rispetto a un 1 in 20 rischio di morte nei pazienti con un singolo episodio DKA su una media di 4 anni. ”

La ricerca condotta dal dottor Fraser Gibb e colleghi presso il Royal Infirmary di Edimburgo, Regno Unito, ha scoperto che ricorrenti eventi di DKA, definiti come 5 o più episodi durante tutta la vita del paziente, sono associati con il sostanziale incremento dei decessi, in particolare tra i giovani, gli adulti socialmente svantaggiati. I membri di questo gruppo ad alto rischio avevano anche, in media  il diabete diagnosticato in età più giovane, con livelli più elevati di emoglobina glicata (HbA1c), un metodo standard per valutare il controllo di zucchero nel sangue e lo stato del diabete, e hanno avuto maggiori maggiori probabilità di vedersi prescritti anti-depressivi rispetto a soggetti che non hanno manifestato un singolo episodio di chetoacidosi diabetica.

Nonostante i miglioramenti incrementali per ridurre i tassi di mortalità da DKA, il diabete di tipo 1 continua ad essere associato con la morte prematura a tal guisa. In Scozia, la DKA è il singolo più grande contributore di perdita di vite umane al di sotto dei 50 anni d’età, essendo il fattore primario nella morte del 29,4% degli uomini e  21,7% delle donne con diabete di tipo 1 che muoiono prima di tale età. il ricovero ospedaliero per DKA è fortemente associato con la privazione sociale, livelli elevati di HbA1c, scarsa aderenza alla terapia insulinica, e più comunemente si verifica in pazienti di sesso femminile. Una DKA ricorrente è anche particolarmente frequente nei pazienti a cui è stato diagnosticato il diabete durante l’adolescenza e quelli con problemi di salute mentale.

Nonostante questi risultati, non vi è stato alcun precedente di ricerca condotta con una valutazione sistematica dei rischi di mortalità nel contesto di una ricorrente DKA. Di conseguenza con questo studio gli autori hanno voluto esaminare i fattori associati con ingresso ricorrente per DKA, valutare il rischio di mortalità durante i ricoveri ospedalieri per DKA e, per la prima volta, negli anni successivi alla dimissione dall’ospedale.

Questo è stato uno studio di coorte retrospettiva di tutti i 628 ricoveri in ospedale per episodi di DKA in 298 pazienti con diabete di tipo 1 presso il Royal Infirmary di Edimburgo tra il 2007 e il 2012. i dati clinici, e di mortalità biochimici sono stati ottenuti dai fascicoli e database digitali dei pazienti e su base di dati nazionali, fornite dal  Diabetes Collaboration (SCI-diabete), indice scozzese  di deprivazione multipla (SIMD) e i dati di prescrizione a livello di cure primarie nazionali, con la raccolta dei valori di follow-up proseguiti fino al 2014. Questo ha fornito un follow-up mediano di 3,4 anni, dove i pazienti avuto più di un ingresso DKA durante il periodo di studio, i dati dal loro ultimo ingresso sono stati utilizzati per l’analisi. L’indagine sul numero di ricoveri nel corso della vita per DKA, alcuni dei quali si sono verificati prima del periodo di studio, sono stati limitati a pazienti con diagnosi di diabete dal 1981 in poi, quando la raccolta dei dati nazionali è iniziata. I pazienti sono stati poi assegnati a tre gruppi: 1 vita DKA, 2-5 vita DKA, e più di 5 vita DKA. i dati di prescrizione a livello nazionale di assistenza primaria sono stati registrati in Scozia dal 2009 e questo è stato utilizzato per stabilire se i pazienti avevano ricevuto la terapia durante lo studio.

Lo studio ha trovato che i pazienti con ricorrenti DKA (più di 5 eventi) sono stati diagnosticati con il diabete in età più giovane (14 vs 24 anni), avevano livelli più alti di deprivazione sociale, una più alta HbA1c (103 vs 79 mmol / mol) e tendevano ad essere più giovani (25 vs 31 anni) rispetto a quelli con un unico ingresso DKA. L’uso degli antidepressivi è stata maggiore nei pazienti con recidiva DKA rispetto a coloro con un singolo episodio (il 47,5% contro il 12,6% dei pazienti in ciascun gruppo). Altre classi di farmaci non sono stati trovati ad avere un rapporto significativo con la frequenza di DKA  in ammissione. Gli autori aggiungono: “Quasi il 50% di coloro che hanno subito episodi frequenti di DKA aveva ricevuto un anti-depressivo dal 2009 e, anche se i numeri assoluti erano bassi, c’è stata una tendenza verso una maggiore probabilità di ammissione per il trattamento di malattie psichiatriche.”

Gli autori dicono: “quelli con diagnosi di diabete in adolescenza e con problemi di salute mentale sembrano essere a rischio particolarmente elevato per ricorrenti DKA e gli sforzi sono necessari per sviluppare strategie efficaci di sostegno.”

Essi concludono: “Il risultato più sorprendente di questa indagine è il sostanziale rischio a breve termine di morte associato ricoveri per DKA ricorrenti nel diabete di tipo 1. Ricorrenti eventi di chetoacidosi diabetica colpiscono in modo sproporzionato i giovani, in genere con che vivono in condizioni di maggiore deprivazione sociale e marcati valori elevati di HbA1c.”

Essi aggiungono: “Abbiamo trovato un basso tasso di mortalità ospedaliera nei pazienti con DKA … esiti di degenza sono quasi sempre soddisfacenti … tuttavia la frequenza di successiva morte improvvisa a casa, in particolare nei giovani è inaccettabilmente elevata.”

Nota a margine dell’autore: i dati di questa ricerca sono in buona parte riscontrabili anche nel nostro paese, peccato però manchino fonti e basi dati attendibili, e comunque anche se ci fossero resta inalterato e ignorato il punto di fondo del problema in ordine al frequenza degli episodi di DKA: la deprivazione sociale e l’inadeguatezza degli operatori sanitari di diabetologia nel prestare attenzione a queste fasce di criticità.  L’equazione: diabete tipo 1 per ricchi, diabete tipo 2 per poveri sembra trovare conferma.