Donne e diabete

Menopausa precoce e tardiva può aumentare il rischio di diabete di tipo 2

Adv

gravidanza

Lo studio, condotto dal ricercatore Erin LeBlanc, MD, MPH del Kaiser Permanent, è stato pubblicato oggi sulla rivista Menopause, organo ufficiale della North American Menopause Society.

Secondo la società, l’età media della menopausa, o il periodo mestruale di una donna, è 51.

Lo studio ha trovato che le donne le quali hanno avuto il loro periodo mestruale finale prima dei 46 anni avevano il 25 per cento in più di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2, rispetto a coloro che avevano avuto il periodo finale in età compresa tra 46 e 55. Le donne che hanno avuto il periodo finale dopo 55 anni hanno avuto un il 12 per cento in più di rischio di sviluppare il diabete.

Dopo la menopausa, i livelli di estrogeni diminuiscono. Questi bassi livelli di estrogeni sono stati collegati ad un aumento del grasso corporeo e dell’appetito, la diminuzione del metabolismo e livelli elevati di zucchero nel sangue. Studi precedenti legati menopausa avevano già identificato un precoce ed aumentato rischio di diabete, ma questo studio è uno dei primi a dimostrare che in seguito la menopausa mette anche le donne a rischio più elevato.

“Il nostro studio suggerisce che la finestra ottimale per la menopausa e rischio di diabete è di età compresa tra 46 e 55 d’etài”, ha detto il dottor LeBlanc, autore principale e ricercatore presso il Kaiser Permanent Center for Health Research. “Le donne che iniziano la menopausa prima o dopo quella finestra devono essere consapevoli che hanno un rischio più elevato, e dovrebbero essere particolarmente vigili sulla riduzione dell’obesità, una dieta sana e l’esercizio fisico. Questi cambiamenti di stile di vita aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2. ”

La durata del ciclo riproduttivo è anche un fattore

Lo studio ha anche riscontrato un’associazione tra la durata della vita del ciclo riproduttivo di una donna e il suo rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Il ciclo di vita riproduttiva inizia quando una donna comincia il suo periodo e termina quando si ferma lo stesso periodo. Le donne con i cicli riproduttivi di più breve durata (meno di 30 anni) hanno il 37 per cento in più di probabilità di sviluppare il diabete rispetto a quelle con cicli riproduttivi di media lunghezza (da 36 a 40 anni). Le donne con più lunghi cicli riproduttivi (> 45 anni) hanno il 23 per cento in più di possibilità di sviluppare il diabete rispetto alle donne con cicli riproduttivi di media lunghezza.

Le differenze di rischio sono state ridotte, ma è rimasta statisticamente significativa dopo aggiustamento per diversi fattori, tra cui l’età, la razza, il BMI, l’uso del controllo delle nascite, la terapia ormonale sostitutiva, numero di gravidanze, l’attività fisica e il consumo di alcol.

Iniziativa per la salute delle donne

I partecipanti allo studio facevano parte di una iniziativa per la salute delle donne, un ampio studio nazionale dedicato alle donne in postmenopausa focalizzato su strategie per prevenire le malattie cardiache, fratture ossee, e al seno e il cancro colonrettale.

Le donne di età da 50 a 79 sono state reclutati tra il 1993 e il 1998 in 40 centri clinici e seguite per circa 12 anni. Le donne hanno completato ampi questionari sula salute, tra cui domande sulla storia riproduttiva, l’età del primo periodo e l’età della menopausa. La diagnosi di diabete è stata determinata attraverso domande sulla storia medica e l’uso di farmaci.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: