Complicanze varie/eventuali

Benda rigenerativa guarisce le ferite del piede più velocemente

download (4)Ad un certo punto della loro vita, il 15 per cento delle persone con diabete svilupperanno un’ulcera dolorosa e difficile da trattare al piede. Il 24% delle persone colpite necessiterà dell’amputazione della gamba a causa di questo. E, in alcuni casi, quello che sembra un male innocuo può anche portare alla morte.

Un team della Northwestern University ha messo a punto un nuovo trattamento per questa complicanza grave e potenzialmente mortale del diabete. Chiamata “benda rigenerativa”, il nuovo materiale guarisce le ferite diabetiche quattro volte più velocemente di una benda di serie e ha il vantaggio di promuovere la guarigione senza effetti collaterali.

“Le ulcere del piede causano molti gravi problemi per i pazienti diabetici”, ha detto Guillermo Ameer, professore di ingegneria biomedica nel McCormick School of Engineering della Northwestern Feinberg School of Medicine. “Alcune ferite non guariscono abbastanza velocemente e sono a rischio di infezione. Abbiamo pensato che avremmo potuto usare un po’ del nostro lavoro sui biomateriali per applicazioni mediche a rilascio controllato di farmaci per aiutare a guarire le ferite.”

La ricerca di Ameer è stato pubblicata online la scorsa settimana nel Journal of Controlled Release. Yunxiao Zhu, un dottorando nel laboratorio di Ameer, è il primo autore della carta.

Il diabete può causare danni ai nervi che portano a intorpidimento nei piedi. Una persona diabetica può sperimentare qualcosa di semplice come una bolla o piccolo graffio che passa inosservato e non trattatato perché non sentire niente. La glicemia alta si addensa anche nelle pareti dei capillari, la circolazione del sangue rallenta, rendendo più difficile a queste ferite di guarire. Si tratta di una tempesta perfetta per una piccola scalfittura facendola diventare una piaga pericolosa per la vita.

Alcuni trattamenti promettenti per queste ferite croniche esistono, ma sono costosi e possono far venire effetti collaterali significativi. Un gel, per esempio, contiene un fattore di crescita che è stato segnalato per aumentare il rischio di cancro con un uso eccessivo.

“Non dovrebbe essere accettabile per i pazienti che stanno cercando di guarire una ferita aperta avere a che fare con un aumentato rischio di cancro a causa di ferita trattata”, ha detto Amir.

Laboratorio di Ameer precedentemente ha creato un materiale termo-sensibile – con proprietà antiossidanti intrinseche per contrastare l’infiammazione – che è in grado di fornire le cellule terapeutiche e proteine. Il suo team ha utilizzato questo materiale per rilasciare lentamente nella ferita una proteina che accelera la capacità del corpo di riparare se stesso con l’assunzione di cellule staminali per la ferita e la creazione di nuovi vasi sanguigni per aumentare la circolazione del sangue.

“Abbiamo inserito una proteina che il nostro corpo utilizza naturalmente per attirare le cellule di riparazione sul luogo della ferita”, ha detto Amir. “Quando la proteina è secreta, le cellule progenitrici o cellule staminali vanno nella ferita e fanno vasi sanguigni, facenti parte del processo di riparazione.”

Il materiale termo-sensibile è applicato al letto della ferita come un liquido e solidifica in un gel quando esposto alla temperatura corporea. Quando la stessa quantità di proteina è stato applicata direttamente tutto in una volta, non è stato osservato alcun beneficio. Ciò dimostra l’importanza della lenta cessione del materiale termo-sensibili. Ameer ritiene che le proprietà antiossidanti intrinseche all’interno del materiale riducono anche lo stress ossidativo per aiutare la ferita a guarire.

“La capacità del materiale per andare reversibilmente da liquido a solido con variazioni di temperatura protegge la ferita,” detto Ameer. “I pazienti devono cambiare la medicazione spesso, altrimenti la guarigione dei tessuti fa fatica ad avere successo e si rischia di ritornare a ferire il sito. Il nostro materiale si adatta alla forma e dimensioni della ferita e può essere risciacquato con soluzione salina raffreddata, se necessario. Questo materiale per sua caratteristica caratteristica proteggere il tessuto rigenerante durante i cambi di medicazione. ”

In collaborazione con Zhang, Ameer ha controllato le ferite diabetiche per scoprire che erano molto più sane dopo l’applicazione del bendaggio rigenerativo. Il flusso di sangue alla ferita era significativamente più alto rispetto a quelle senza la sua benda.

“Il processo di riparazione è alterato nelle persone con diabete”, ha detto Ameer. “Imitando il processo di riparazione che avviene in un corpo sano, abbiamo dimostrato un nuovo modo promettente per curare le ferite diabetiche.”