Ricerca

Il farmaco antipertensivo Verapamil può invertire il diabete di tipo 1? La sperimentazione comincerà l’anno prossimo

Adv

57349beec5bbb

Il diabete di tipo 1 è la forma meno comune della malattia, che comprende solo il cinque per cento di quelli con diagnosi di diabete, e per lo più appare nei bambini e nei giovani adulti. Tuttavia, è altrettanto grave. I corpi dei pazienti non sono in grado di produrre insulina, le cellule non possono ottenere energia, e il sangue si riempie di glucosio. Con l’aumento dei livelli di zucchero, i ricercatori hanno trovato, in modo di covertirli tramite una proteina chiamata TXNIP. Si è scoperto che questa proteina uccide anche le cellule che producono insulina nel pancreas note come cellule beta – più alto è il loro livello, e più cellule beta vengono uccise. Così, il diabete progredisce.

E qui  è dove entra in gioco il verapamil. Il farmaco è normalmente usato per trattare la pressione sanguigna e il battito cardiaco irregolare rilassando i vasi sanguigni e facendo aumentare l’apporto di ossigeno al cuore, ma è anche stata trovata una funzionalità nel ridurre i livelli di TXNIP nelle cellule beta. In tal modo, la produzione di insulina può ricominciare, e il diabete si inverte. “Noi … Sappiamo che il trattamento crea sicuramente un ambiente in cui le cellule beta sono autorizzate a sopravvivere, e la loro sopravvivenza è un fattore importante con potenzialità nel miglioramento della produzione di insulina, così la nostra speranza è di vedere un effetto simile nei pazienti diabetici di tipo 1 come abbiamo visto nei modelli di topi “, ha detto il ricercatore a capo dello studio il Dr. Anat Shalev a Medscape .

La squadra di Shalev scoperto TXNIP anni fa. Ed era presente quando c’era iperglicemia. Guardando questa correlazione, essi partirono per determinare se questo era effettivamente un caso, e se ci fosse stato un farmaco che poteva trattarlo. Così, hanno testato se i topi con TXNIP cancellavano dai loro genomi la possibilità di sviluppare il diabete (non l’hanno fatto), e, successivamente, hanno scoperto che il verapamil,  bloccava dei canali del calcio di cui ha bisogno il TXNIP  e questi lavorava per stoppare la eliminazione delle cellule beta.

Ora, i ricercatori stanno cercando di iniziare una sperimentazione della durata di un anno sugli esseri umani. Durante tale periodo, 52 partecipanti di età compresa tra 19-45 anni saranno sottoposti a trattamento con verapamil o un placebo, mentre utilizzeranno anche le loro pompe per insulina. Se il farmaco per il cuore si dimostra efficace, sarebbe un passo avanti nella scienza sul diabete, e non solo per le persone con tipo 1.

“Attualmente, siamo solamente in grado di prescrivere insulina esterna per abbassare lo zucchero nel sangue; ma non siamo in grado di fermare la distruzione delle cellule beta, e la malattia continua a peggiorare “, ha detto il Dr. Fernando Ovalle, direttore della diabetologia dell’Università, in un comunicato stampa. ” Se verapamil funziona negli esseri umani, sarebbe uno sviluppo veramente rivoluzionario in una malattia che colpisce più persone ogni anno per un costo di miliardi di dollari all’erario “.

2 commenti

  1. Magari fosse vero. Ma yn diabico 1 in terapia insulinica multiiniettiva da 50 con inizio iniezioni dall’eta’ di 17 anni, potra’ sperare ancora per un futuro migliore, stanca di bucare le dita.

    1. Frenerei gli entusiasmi per due ragioni: occorre capire se la riaccensione cellulare funge sull’uomo, infine se accade anche nei diabetici con una datazione della malattia di oltre dieci anni.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: