Mangiare

Elevata variabilità dell’indice glicemico in risposta allo zucchero nel sangue lo fa essere un indicatore inaffidabile

Ogni punto blu rappresenta la media di tre determinazioni di valore indice glicemico in un individuo. Le barre orizzontali rappresentano le deviazioni standard.

Ogni punto blu rappresenta la media di tre determinazioni di valore indice glicemico in un individuo. Le barre orizzontali rappresentano le deviazioni standard.

L’indice glicemico di un determinato alimento, un valore che mira a quantificare quanto velocemente lo zucchero nel sangue aumenta dopo aver mangiato, può variare in media dal 20 per cento a 25 per cento tra gli individui, secondo un rapporto degli scienziati dal Jean Mayer USDA Human Nutrition Umana Research Center of Aging (USDA HRNCA) presso la Tufts University.

I ricercatori hanno scoperto con prove randomizzate, e monitorate che hanno coinvolto 63 adulti sani,  che le singole risposte dello zucchero nel sangue risposte dopo aver consumato una quantità fissa di pane bianco potevano variare in tutte e tre le categorie di indice glicemico (bassa, media o alta). Parte di questa variabilità potrebbe essere attribuito all’indice di insulina e al basale dei livelli HbA1c, che riflettono a lungo termine del buon compenso glicemico relazionato e influenzato dalle risposte metaboliche di un individuo al cibo.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Nutrition , il 7 settembre, suggerisce che l’indice glicemico ha una limitata l’utilità come strumento per predire come un alimento influenza i livelli dello zucchero nel sangue.

“I valori di indice glicemico sembrano essere un indicatore affidabile anche in condizioni altamente standardizzate, ed è improbabile che siano utili nel guidare le scelte alimentari”, ha detto il primo firmatario dello studio Nirupa Mattan, Ph.D., ricercatore nel Laboratorio di Nutrizione cardiovascolare al HNRCA USDA . “Se qualcuno mangia la medesima quantità di cibo per tre volte, la risposta del glucosio nel sangue dovrebbe essere simile ogni volta, ma non è stato osservato nel nostro studio. Un cibo che ha un basso indice glicemico per noi una volta, un’altra che lo si mangia potrebbe dare una risposta alta prossima, e può avere impatto sulla mia glicemia”.

Sviluppato come un modo per aiutare le persone con diabete nel controllare la glicemia, l’indice glicemico è destinato a rappresentare l’effetto inerente che ha un alimento sui livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, l’indice glicemico viene utilizzato per scopi più ampi, come l’etichettatura degli alimenti, e viene impiegatoo come base per diverse diete popolari.

Per studiare se i valori di indice glicemico sono accurati e riproducibili, Mattan ed i suoi colleghi hanno reclutato 63 volontari, che hanno subito sei sessioni di test nell’arco di 12 settimane. I volontari erano adigiuno e si sono astenuti dall’esercizio e alcol prima di ogni sessione. Hanno poi consumato o pane bianco, un carboidrato semplice che serviva come il cibo di prova, o una bevanda zuccherata, che fungeva da controllo di riferimento, in ordine casuale. Ognuno di questi alimenti conteneva 50 grammi di carboidrati disponibili. I livelli di glucosio nel sangue sono stati misurati in più punti di tempo a distanza di cinque ore dopo aver mangiato, e l’indice glicemico è stato calcolato da formule standard.

Una guida inaffidabile

Il team ha scoperto che il valore dell’indice glicemico medio del pane bianco per la popolazione in studio era 62, collocandolo nella categoria di un alimento con GI (indice glicemico) “medio”.

Tuttavia, la deviazione media era di 15 punti in entrambe le direzioni, mettendo effettivamente il pane bianco in tre categorie di GI. Sarebbe considerato un alimento a basso indice glicemico (valori medi di 35 a 55) per 22 dei volontari, indice glicemico intermedio (57-67) per 23 volontari e alto indice glicemico (70 a 103) per 18 volontari. Anche all’interno dello stesso individuo, i valori di indice glicemico potrebbero differire di oltre 60 punti tra le prove.

“I nostri dati suggeriscono come questi valori potrebbero non essere affidabili in termini di assunzione giornaliera. Un approccio migliore ai cibi che si scelgono è quello di consumare una dieta prevalentemente composto da verdure, frutta, cereali integrali, senza grassi e latticini a basso contenuto di grassi prodotti, pesce, legumi (fagioli), carni magre, con preferenza per la preparazione degli alimenti con oli vegetali liquidi, come altrettanto importante e la scelta di cibi sani e bevande che ci piacciono veramente “, ha dichiarato un altro studioso Alice H. Lichtenstein, D.Sc., scienziato e direttore del Laboratorio di Nutrizione cardiovascolare al HNRCA USDA. Lichtenstein è anche il professore del Gershoff presso la Scuola Friedman di Scienza della Nutrizione presso la Tufts.

Il team ha testato anche per l’influenza delle caratteristiche biologiche: sesso, indice di massa corporea, la pressione sanguigna, l’attività fisica. La maggior parte dei fattori avevano solo un effetto statistico minore sulla variabilità dell’indice glicemico. La risposta insulinica nel sangue, misurata in base all’indice di insulina e HbA1c, una misura di controllo glicemico a lungo termine, ha avuto un grande effetto rappresentano da tra il 15 e il 16 per cento rispettivamente.

“Sulla base dei nostri risultati, ci sentiamo fortemente di sottolineare come l’indice glicemico sia poco pratico per l’uso nell’etichettatura deglialimenti o in linee guida dietetiche a livello individuale”, ha detto Mattan.