Mangiare

Mango e microbiota: il potenziale ruolo di questo superfrutto nel mantenimento in salute dell’intestino

download-5Una ricerca pubblicata nel Journal of Nutrition ha per la prima volta documentato i potenziali effetti del consumo di mango sulla flora intestinale nei topi. Quando i campioni sono stati confrontati dall’inizio alla fine del periodo di studio, la supplementazione di mango è stato trovato che previene la perdita di batteri intestinali benefici spesso indotti da una dieta ricca di grassi. Questo è un dato importante in quanto gli specifici batteri nel tratto intestinale possono svolgere un ruolo nell’obesità e sue complicanze, come il diabete di tipo 2

In questo studio, pubblicato sul Journal of Nutrition , 60 topi maschi sono stati assegnati ad uno dei quattro gruppi di trattamento dietetico per 12 settimane – 1. il controllo (con il 10% di calorie da grassi), 2. alto contenuto di grassi (con il 60% di calorie da lipidi), 3. o alto contenuto di lipidi con l’1% 4. o il 10% di mango. Tutte le diete ad alto contenuto di grassi avevano macronutrienti di calcio, fosforo, e contenuto di fibre simili,.

“Fibra e altri composti bioattivi negli alimenti a base vegetale sono suggeriti per evitare la disbiosi intestinale causata da una dieta ricca di grassi”, ha detto Edralin A. Lucas, Ph.D., professore di scienze nutrizionali alla Oklahoma State University e principale ricercatore dello studio. “Il mango è una buona fonte di fibre ed è stato riportato in studi precedenti per avere proprietà immunomodulanti anti-obesogeniche e ipoglicemiche. I risultati di questo studio sugli animali hanno dimostrato che l’aggiunta di mango alla dieta può aiutare a mantenere e regolare la salute dell’intestino e livelli utili di batteri. Sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se questi risultati dello studio possono essere replicati negli esseri umani.”

In analisi precedenti, i bifidobatteri , per esempio, erano a bassa concentrazione in soggetti obesi e in quelli con diabete di tipo 2. Risultati simili sono stati osservati con akkermansia in studi su animali. Quattro diete ad alto contenuto di grassi sono state collegate alla disbiosi intestinale, o squilibri batterici all’interno del tratto intestinale.

Il trattamento dietetico ad alto contenuto di grassi con 10% di mango (equivalente a 1½ tazze di pezzi di mango fresco) è risultato essere più efficace nel prevenire la perdita di batteri benefici da una dieta ad alta percentuale di grassi senza diminuire il peso corporeo o l’accumulo di grasso. In particolare, la supplementazione di mango regola i batteri intestinali a favore dei bifidobatteri e akkermansia e incrementa la produzione di acidi grassi a catena corta (SFCA). Gli SCFA hanno dimostrato di possedere una vasta gamma di effetti benefici, come proprietà anti-infiammatorie.

Una tazza di mango è piena di antiossidanti e oltre 20 vitamine e minerali diversi e fornisce una buona fonte di fibre. Mentre è stato ben documentato che i composti del mango mostrano attività anti-infiammatori che aiutano nella digestione delle fibre, non sono stati precedentemente studiati gli effetti del mango sul microbiota intestinale.

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche sugli effetti di mango nella salute umana, questo studio suggerisce che il consumo di mango può essere importante nel migliorare la salute dell’intestino in particolare per coloro che consumano una dieta ricca di grassi.