Terapie

L’aderenza alla terapia con insulina è negativamente influenzata da una insoddisfacente interazione con il medico

Adv

insulina

I partecipanti hanno completato i processi interpersonali di indagine cura del diabete per misurare la percezione delle interazioni con ilmedico, il livello di disagio legato al diabete e aderenza alla terapia con insulina.

Sei aspetti dominanti sono stati valutati dai processi interpersonali sottoposti all’attenzione dell’indagine:

Valutazione dei medici effettuata mediante una comunicazione frettolosa al paziente;
Spiegazione dei risultati dei test;
il processo decisionale, che ha valutato come i medici erano disposti ad ascoltarele preoccupazioni del paziente per i trattamenti;
Atteggiamento compassionevole/rispettoso del medico che ha valutato  e come ha risposto alla preoccupazione e reazione del paziente.

Il grande disagio legato al diabete era correlato in modo indipendente con i punteggi più alti nei settori della comunicazione e atteggiamento frettolosi, mentre i punteggi più alti nei risultati spiegati e aspetti decisionali centrati sul paziente sono stati connessi con minore disagio dovuto al diabete. La comunicazione frettolosa è più fortemente legato al disagio dovuto al diabete rispetto agli altri aspetti ( P <.001).

Associazioni indipendenti sono state trovate tra una maggiore probabilità di iniezioni di insulina perse nei punteggi più alti dominati dalla comunicazione frettolosa (OR aggiustato = 1.35; 95% CI, 1,2-1,53) e discriminazione (OR aggiustato = 1.13; 95% CI, 1.02- 1.27), un punteggio più basso sulla spiegazione dei risultati (OR aggiustato = 0.86; 95% CI, ,77-,97) e un maggiore disagio legato al diabete (OR aggiustato = 1.14; 95% CI, 1,06-1,22).

C’erano associazioni indipendenti tra più alto livello di HbA1c e di disagio legato al diabete ( P <.01), comunicazione affrettata ( P <0,041) e scarsa aderenza alla terapia con insulina ( P <.001).

La scarsa aderenza all’insulina correlata con un aumento del 0,43% in HbA1c, e un aumento per singola unità in difficoltà legate al diabete con  comunicazione frettolosa sono stati associati rispettivamente con una crescita del 0,171% e 0,145% di HbA1c.

“I risultati del presente studio puntano a una chiara relazione tra angoscia e aspetti delle interazioni medico-paziente trattato con insulina nei diabetici di tipo 2,” hanno scritto i ricercatori. “La percezione dei pazienti sul coinvolgimento del medico e l’attenzione, la qualità della spiegazione sugli esami e i loro risultati, e la discussione intorno al regime di trattamento prescritto erano direttamente associati con il comportamento relativo all’aderenza nel trattamento terapeutico con insulina. Il disagio legato al diabete e l’impegno del medico e il suo livello  di attenzione hanno anche mostrato di avere una forte connessione circa il buon controllo glicemico a lungo termine.

Nota personale: per un diabetico di tipo 1 da 53 anni tale indagine non fa altro che confermare quanto di mio ho provato, testato nei fatti. E le problematiche sollevate credo vadano ben oltre il tipo 2 ma impattano su tutti i diabetici trattati intensivamente con insulina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: