Mangiare

Le bevande energetiche sono sicure?

energydrinksNonostante le preoccupazioni segnalate per la salute, la popolarità delle bevande energetiche è in costante crescita. Tra il 2008 e il 2012, per esempio, la vendita di bevande energetiche è aumentata del 60% negli Stati Uniti. Entro il 2017, le vendite annuali bevande energetiche nei soli Stati Uniti si prevede che porterà a guadagni complessivi di circa a 21 miliardi di $.

La caffeina è l’ingrediente principale nella maggior parte delle bevande energetiche: alcune possono contenerne fino a 500 mg, equivalente a quattro o cinque tazze di caffè. Tali bevande possono contenere anche zucchero, guaranà, taurina, ginseng, vitamine, glucuronolattone, e altri ingredienti. Queste bevande vengono ampiamente promosse come prodotti che aumentano la vigilanza e migliorare le prestazioni fisiche e mentali. Il marketing adottato per attirare i giovani a farne uso è molto efficace. Ad esempio, quasi un terzo dei ragazzi le beve regolarmente.

Con la crescente popolarità degli energy drink, i ricercatori e professionisti della salute pubblica sono sempre più preoccupati per i loro possibili effetti negativi sulla salute, in particolare sotto il profilo cardiovascolare. Una revisione di un articolo pubblicato nel numero di settembre 2016  sulla rivista scientifica Advances in Nutrition, titolata: “Le bevande energetiche e il loro impatto sul sistema cardiovascolare: i potenziali meccanismi”, valuta i risultati della ricerca, con particolare attenzione su come gli energy drink influenzano la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Secondo gli autori dell’articolo, le più recenti ricerca suggeriscono che il consumo di bevande energetiche può portare a “un profilo emodinamico avverso acuto.” In altre parole, bevande energetiche costringono il cuore a lavorare di più per pompare il sangue in tutto il corpo, che può potenzialmente portare a infarto o ictus. Recenti studi che utilizzavano le misurazioni del cuore battito per battito, per esempio, hanno dimostrato che l’ingestione di un solo lattina di una bevanda energetica zuccherata aveva determinato un carico di lavoro aumentato al cuore come evidenziato da elevata pressione sanguigna, frequenza cardiaca, e produzione cardiaca.

Le risposte cardiovascolari all’ingestione di bevande energetiche sono meglio spiegati dalle azioni di caffeina e zucchero, con poca influenza da altri ingredienti. Tuttavia, un ruolo per altri ingredienti attivi come la taurina e glucuronolattone non può essere escluso.

Gli autori fanno notare che i cambiamenti cardiovascolari in risposta alle bevande energetiche sono stati solo ampiamente studiate in giovani soggetti sani. Hanno, quindi, chiamato per ulteriori ricerche sugli effetti cardiovascolari delle bevande energetiche persone con un più alto rischio di malattie cardiache o coloro con ipertensione preesistente o alterata circolazione cerebrale.

In conclusione, la nota degli autori, “data la popolarità globale e il valore di mercato stimato in oltre 40 miliardi di $, valutare con precisione i potenziali effetti negativi delle bevande energetiche ha importanti implicazioni per la prevenzione e la gestione di obesità, diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. “