Libri/ebook

Per il bene del paziente

Libro Santilli - Per il bene del pazienteQuindici storie, con protagonisti diversi, per raccontare dall’interno, dal punto di vista di un medico e professore universitario di lunga esperienza, il mondo della sanità pubblica italiana, le sue trasformazioni e le sue contraddizioni. A partire da come è cambiato il ruolo del medico di base, anche in relazione ai pazienti, voraci divoratori di notizie di salute (non sempre verificate) su Internet, passando per i professionisti della sanità che si sentono spesso ‘sotto assedio’ di avvocati e giudici, tanto che è aumentato il ricorso alla cosiddetta medicina difensiva. Per proseguire, poi, con i medici sempre più stretti nelle morse di conti economici che l’azienda ospedaliera deve far quadrare e ricoveri che possono diventare un business, e pazienti costretti, per le mille falle burocratiche, a ricorrere anche in caso di emergenza, anche a pagare per avere servizi come le ambulanze private.

Questi alcuni dei temi al centro del libroPer il bene del paziente”, di Valter Santilli, professore ordinario di Medicina fisica e riabilitativa all’Università la Sapienza di Roma e fisiatra al Policlinico Umberto I, noto anche perché scelto da Papa Bergoglio quando era cardinale come fisiatra di fiducia, edito da Gallucci e con la prefazione di Mogol.

Diverse altre le tematiche, anche spinose, affrontate nel volume: un capitolo ad esempio è dedicato alla nomina clientelare dei primari, un altro alla formazione permanente dei medici prigioniera di ‘Big Pharma” , un altro ancora alla “formidabile catena di comando politico”, sulle talvolta pesanti ingerenze della politica nella sanità. Accanto a ogni storia delle proposte operative, espresse in risposta alle domande dei giornalisti Paolo Pagliaro e Piero Schiavello. Dall’eliminazione del decreto Balduzzi,al superamento di intra ed extra moenia . Per finire ad esempio con i direttori generali,che andrebbero scelti dal personale della Asl e non dai politici. Poi, la parte finale dedicata all’incontro con Papa Bergoglio, e della sua “sensibilità verso gli ultimi”.