Vivo col Diabete

Sommario diabetico

Gluco Tra frutta e verdura come butta col diabete? Domanda che ai più passa inosservata come una mareggiata e ai meno basta cercare un poco d’olio per condire l’insalata. Io sto strano e cercar vado quel valore solo e giocondo nel mio mondo. E si ricomincia tra uva, funghi e maroni quel tran tran che ci porterà a Natale e fine anno. Per un mese che arriva un altro abbiamo lasciato alle spalle: di settembre si tratta e facendo la somma sull’evoluzione del diabete ancora una volta sono i dati estrapolati dal diario digitale della glicemia a parlare forte e chiaro su come sono andate le cose.

Pubblicità

Così dopo tanto tempo che non tratto di me ma di altri accadimenti in questo autunno 2016 riprendo a resocontare e decantare del mio diabete e annessi, connessi, con luci ombre e riflessi indefessi, mentre cadono le foglie le voglie e le nenie.

La prima settimana di rilevazione dei valori media della glicemia ha dato un risultato di 132 mg/dl, mentre la seconda di 162 mg/dl, la terza uguale a 142 mg/dl e per finire l’escursione tra le settimane l’ultima di settembre ha registrato un parametro di 140 mg/dl. La media del mese alla fine si è attestata a 142 mg/dl complessivi, contribuendo ad attestare un quadro di stabilità e buon compenso ancora una volta del mio diabete e nel contesto di valutazione complessiva circa l’andamento delle glicemie durante l’arco delle stagioni ancora una volta si capisce come durante la stagione estiva le cose continuano ad andare per il meglio rispetto all’opposto invernale. Infatti anche tra il dato della glicata estiva raffrontato con quello invernale c’è una oscillazione in decremento dello 0,5 di media.

Allora la sfida fra qualche mese sta nel tenere al lazo la glicemia e conseguentemente l’emoglobina glicata per il rigido periodo invernale sperando non torni l’era glaciale e magari migrando alle Cook Island (fosse vero per quando andrò in pensione). Ora come percorso più realistico utilizzerò tutti i miei studi e ricerche per utilizzare al meglio la fase autunnale così da restare nella linea Maginot del 6,6 di HA1bc o comunque non andare oltre il 7,0.

Nota: l’epopea della diabetologia bolognese continua. Dopo l’ultima visita di controllo del diabete dello scorso 30 agosto con la quale mi dissero di ritelefonare dopo un mese per prendere un altro appuntamento, lo scorso venerdì ho chiamato e mi hanno rilasciato la data per il 30 marzo 2017, praticamente dopo sette mesi! Siccome chi scrive ha un fattore di criticità 1 con la patologia per tutte le complicanze e comorbilità di cui sono affetto, un tale lasso di tempo significa mettere il malato in gravi difficoltà senza se e ma.

Per sapere come andrà a finire non vi resterà che continuare a leggere i miei settimanali bollettini di guerra al diabete e glicemia, dove saprete come con il combattimento goccia a goccia e dato su dato, sudato, riuscirò o meno a portare a casa il risultato. D’altronde il diabete per me non è mai stato una sfiga ma una sfida da accettare e combattere ogni giorno, poi da quando ricevo le mie soddisfazioni con i predetti risultati l’affronto con maggiore spinta perché so sento dentro di potercela fare. Intanto ottobre sono qua!

Pubblicità