Complicanze varie/eventuali

I livelli di vitamina D collegati nel diabete a neuropatia autonomica cardiovascolare

Pubblicità

download-6Negli adulti con diabete tipo 1 e tipo 2, sia gli alti che i bassi livelli sierici di vitamina D sono associati a neuropatia autonomica cardiovascolare, secondo un’analisi dei dati del paziente in pool. Ricerca pubblicata su Diabetes Medicine, ottobre 2016.
“Gli attuali risultati mostrano un inversa, a forma di U associazione tra livelli di vitamina D e neuropatia autonomica cardiovascolare mel diabete,” Christian Stevns Hansen, MD, uno studente con dottorato nel dipartimento di epidemiologia clinica presso lo Steno Diabetes Center di Gentofte della Novo Nordisk, Danimarca, e colleghi hanno scritto. “Ciò indica che i livelli benefici della vitamina D sono limitati ad una gamma siero specifica, ed entrambi i livelli troppo bassi e o troppo alti sono dannosi per il sistema nervoso autonomo; Tuttavia, sono necessari studi osservazionali più grandi per confermare questi risultati “.

Hansen e colleghi hanno analizzato i dati di 113 adulti con diabete tipo 1 e tipo 2 e senza aritmia cardiaca esistente (58% uomini; età media, 56 anni, BMI medio, 27,6 kg / m²; durata media del diabete, 22 anni) dall’ambulatorio al Steno Diabetes center in Danimarca tra il maggio 2013 e dicembre 2014. I partecipanti hanno fornito campioni di sangue per la valutazione di vitamina D2 e D3, colesterolo totale, HbA1c e la creatinina sierica. I pazienti sono stati sottoposti a screening per neuropatia autonomica cardiovascolare (CAN) con tre prove sui riflessi cardiovascolari analizzati come variabili continue: la respirazione profonda (E / I) il rapporto, che giace a piedi (30/15 ratio) e la manovra di Valsalva, così come una valutazione di 5 minuti della frequenza cardiaca a riposo e gli indici di variabilità della frequenza cardiaca.

Pubblicità

All’interno della coorte, 14% soddisfaceva i criteri per una diagnosi di CAN; nessun paziente aveva grave carenza di vitamina D; a significare che il livello della vitamina D era 83,4 nmol / L. I ricercatori hanno osservato un inverso, a forma di U in associazione tra livelli sierici di vitamina D e il rapporto E / I, il rapporto 30/15 e tre indici variabilità della frequenza cardiaca ( P < .05). Dopo aggiustamento per età e sesso, il livello di vitamina D è stata associata in modo non lineare con la diagnosi CAN ( P < .05). In analisi di regressione lineare, i ricercatori hanno osservato che un aumento del livello di vitamina D da 25 nmol / L a 50 nmol / L è stato associato ad un aumento del 3,9% in rapporto E / I (95% CI, 0,1-7,9) e il 4,8% nel 30/15 ratio (95% CI, 4,7-9,3). Tuttavia, quando i livelli di vitamina D sono aumentate da 125 nmol / L a 150 nmol / L, i ricercatori hanno osservato una diminuzione del 2,6% in rapporto E / I (95% CI, -5.8-0.1) e del 4,1% nel rapporto di 30/15 (95 % CI, -5.8 a -0.5).

I ricercatori hanno osservato nessun cambiamento nei risultati associati ad un aumento dei livelli di vitamina D da 85 nmol / L a 110 nmol / L; il tipo di diabete non ha avuto effetto modificanti.

“I nostri dati suggeriscono che l’associazione tra vitamina D e CAN è guidata principalmente da anomalie nel sistema nervoso parasimpatico, dato che solo il rapporto E / I e il rapporto di 30/15 sono stati associati con la vitamina D,” hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, abbiamo trovato che la vitamina D associata con gli indici di variabilità della frequenza cardiaca [quadratico medio delle differenze successive] e potenza ad alta frequenza, che indica anche un effetto sul sistema nervoso parasimpatico.”