Ricerca

Diabete tipo 1: come si accende il fuoco amico sul pancreas

howdoesfrienNel diabete di tipo 1, il corpo attacca le proprie cellule che producono insulina. Gli scienziati del Helmholtz Zentrum München, partner del Centro tedesco per la ricerca del diabete, e dei loro colleghi presso l’Università Tecnica di Monaco ora hanno riportato sulla rivista PNAS il meccanismo utilizzato dal sistema immunitario che prepara questo attacco. Sono stati in grado di inibire questo processo attraverso interventi mirati e ora sperano che questo risultato porterà a nuove possibilità per il trattamento della malattia .

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il corpo distrugge le proprie cellule beta nel pancreas. I ricercatori stanno ancora cercando di scoprire che cosa provoca questo malfunzionamento del sistema immunitario al fine di intervenire terapeuticamente nei processi. Un team guidato dal Dr. Carolin Daniel, a capo del gruppo di ricercatori presso l’Institute Diabetes Research (IDF) al Helmholtz Zentrum München, ha ora scoperto un ulteriore pezzo nella soluzione di questo puzzle.

“Per la prima volta, siamo stati in grado di dimostrare che nei bambini affetti c’è un aumento del numero di specifiche cellule immunitarie che si trovano nel sangue all’inizio della risposta autoimmune”, ha detto Daniel. Lei e il suo team avevano precedentemente analizzato campioni di sangue di bambini in una biobanca istituita dal Professor Anette-Gabriele Ziegler, direttore della IDF, nel quadro di studi di coorte su larga scala.

Secondo gli autori, queste cellule immunitarie speciali sono cosiddette cellule T helper follicolari specifiche dell’insulina (TFH). Esse appaiono nei linfonodi, tra gli altri organi, e avviano gli attacchi del sistema immunitario promuovendo la produzione di anticorpi da parte delle cellule B. Ora gli scienziati hanno trovato campioni di frequenze aumentate di queste cellule in in bambini con recente insorgenza di autoimmunità delle cellule delle isole – una fase iniziale del diabete di tipo 1.

Nella ricerca delle cause della crescita delle cellule TFH durante l’attivazione autoimmune nei bambini, gli scienziati hanno scoperto un percorso di segnalazione precedentemente sconosciuto. “Le nostre analisi hanno dimostrato che una molecola chiamata miRNA92a innesca una catena di eventi molecolari, che alla fine porta alla crescita in queste cellule immunitarie “, ha detto una studentessa dottoranda all’IDF: Isabelle Serr, spiegando il meccanismo complesso. “In particolare, durante questo processo, miRNA92a interferisce con la formazione di importanti proteine di segnalazione, come KLF2 e PTEN.”

Uso in terapia e diagnostica

Per verificare se questo meccanismo recentemente scoperto è adatto per intervento terapeutico, gli scienziati hanno studiato l’effetto di un cosiddetto antagomir, che si lega specificamente a molecole miRNA92a e blocca il loro effetto. In un modello sperimentale di diabete di tipo 1 e nel modello umanizzato, questo trattamento ha determinato una significativa minore risposta autoimmune.

“L’inibizione mirato di miRNA92a o il percorso di segnalazione a valle potrebbero aprire nuove possibilità per la prevenzione del diabete di tipo 1,” ha detto il professor Ziegler. “Inoltre, le cellule TFH specifiche di insulina potrebbero servire come biomarcatori per determinare il successo del trattamento delle vaccinazioni di insulina che stiamo predisponendo.”