Ricerca

Invertita l’insulino-resistenza con la rimozione di proteine

Jerrold Olefsky

Jerrold Olefsky

Rimuovendo la proteina galectina-3 (Gal3), una squadra di ricercatori guidati dall’University of California School of Medicine è stata in grado di invertire l’insulino-resistenza e intolleranza al glucosio in modelli murini di obesità e diabete.

Pubblicità

Legandosi ai recettori dell’insulina sulle cellule, Gal3 impedisce all’insulina di legarsi ai recettori cellulari con conseguente insulino-resistenza. Il team guidato da Jerrold Olefsky, MD, professore di medicina e a capo della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo presso UC San Diego School of Medicine, ha dimostrato che eliminando geneticamente Gal3 o utilizzando  gli inibitori farmaceutici per indirizzarli all’obiettivo, la sensibilità all’insulina e la tolleranza al glucosio possono essere restituiti alla normalità, anche tra i topi più anziani. Tuttavia, l’obesità resta invariata.

“Questo studio mette la Gal3 sulla mappa per l’insulino-resistenza e il diabete topo modello”, ha detto Olefsky, decano associato per gli affari scientifici e autore senior dello studio. “I nostri risultati suggeriscono che l’inibizione Gal3 nelle persone potrebbe essere un approccio anti-diabetico efficace”.

Olefsky e altri ricercatori hanno studiato come l’infiammazione cronica dei tessuti porta alla resistenza all’insulina nel diabete di tipo 2. Nel documento, pubblicato sulla rivista Cell il 3 novembre, i ricercatori spiegano che l’infiammazione richiede cellule macrofagi specializzate le quali distruggono cellule obiettivo. Nel tessuto adiposo obeso (grasso), per esempio, il 40 per cento delle cellule sono macrofagi. Macrofagi a loro volta secernono Gal3, che poi agiscono come una proteina di segnalazione e attraggono più macrofagi, con conseguente ancor maggiore produzione di Gal3.

Inoltre, ricercatori hanno identificato ossa macrofagi derivate dal midollo come fonte di Gal3 che portano alla resistenza all’insulina. Ancora più importante, i ricercatori hanno scoperto che Gal3 è secreta dai macrofagi, e può quindi causare resistenza all’insulina nel fegato, le cellule di grasso e cellule muscolari indipendentemente dall’infiammazione.

Gal3 è stato collegato in precedenza ad altre malattie. Olefsky continuerà a studiare l’esaurimento del Gal3 come possibile obiettivo terapeutico per steatoepatite non alcolica, così come il cuore e la fibrosi del fegato.

Pubblicità