Reni

Percorsi specifici per i target di pressione sanguigna consigliati nei diabetici tipo 1

Adv

reni1.jpg

Il diabete è un importante fattore di rischio per le malattie renali: il 30 per cento dei pazienti con diabete di tipo 1 e dal 10 al 40 per cento di quelli con diabete di tipo 2 in genere sviluppano una insufficienza renale cronica ad un certo punto della loro vita, secondo la National Kidney Foundation. Il nuovo studio, pubblicato il 21 Nov 2016 in Diabetes Care, ha monitorato la pressione arteriosa e la salute dei reni in quasi 1.500 pazienti affetti da diabete di tipo 1 per più di due decenni, e ha trovato che coloro i quali avevano costantemente mantenuto i livelli di pressione sanguigna più bassa registravano un rischio significativamente più basso di lo sviluppo di malattie renali croniche.

Mentre i ricercatori hanno detto che ulteriori studi sarebbero necessari per dimostrare il nesso di causalità, la scoperta è un importante primo passo per esplorare il problema, ha detto Chi-Yuan Hsu, MD, professore di medicina e direttore della Divisione di Nefrologia presso UCSF Medical Center : “L’insufficienza renale cronica è una delle principali cause di aumento della mortalità osservate nei pazienti con diabete di tipo 1”.

I nuovi risultati contrastano nettamente con il recente allentamento degli obiettivi di pressione sanguigna aggressivi per i pazienti diabetici raccomandati dalla American Diabetes Association (ADA) e Joint National Committee NIH per la prevenzione, rilevazione, valutazione e trattamento dell’ipertensione (JNC). Nel 2014, questi gruppi rilassato obiettivi di pressione sanguigna accettabili per i pazienti con diabete, volta a mantenere la pressione sanguigna sotto 130/80 mmHg, con un target più permissivo sui 140/90 mmHg,

Il nefrologo Elaine Ku, MD, autore principale del nuovo studio, afferma di diffidare di queste raccomandazioni, che ignorano la differenza cruciale tra il diabete di tipo 1 e di tipo 2. Tra gli altri fattori, Ku ha detto, i pazienti con diabete di tipo 1, ai quali la patologia viene diagnosticata durante l’infanzia o come giovani adulti, possono avere un tempo più lungo in cui subire potenziali danni ai reni a causa di alta pressione sanguigna sul lungo termine. Tuttavia, la maggior parte degli studi esistenti circa l’ipertensione e il diabete si sono focalizzati sul diabete più comune: il tipo 2, ha detto, e questi sono gli studi su cui l’ADA e JNC basano principalmente le loro recenti raccomandazioni.

“Abbiamo pensato che fosse fondamentale capire meglio come la pressione arteriosa colpisce le persone con diabete di tipo 1 nel lungo termine”, ha detto Ku.

Ku, che dirige anche il passaggio Clinica UCSF Nefrologia per adolescenti e giovani adulti con malattie renali,

Essi hanno scoperto che i partecipanti che avevano mantenuto la loro pressione sanguigna sistolica – la pressione nelle arterie quando il cuore si contrae – inferiori a 120 mmHg mantenevano un rischio del 41 per cento più basso di macroalbuminuria e un rischio del 68 per cento più basso di fase III, della insufficienza renale cronica (dialisi), rispetto ai partecipanti la cui pressione arteriosa sistolica era nei termini dichiarati da ADA: 130-140 mm/Hg.

L’Analisi della pressione arteriosa diastolica – la pressione nelle arterie nelle pause tra i battiti cardiaci – ha rivelato un rapporto simile: I partecipanti che hanno mantenuto una pressione diastolica inferiore a 70 mmHg hanno avuto del 27 per cento una più bassa possibilità di macroalbinuria e un rischio del 53 per cento più basso di insufficienza malattia renale rispetto a quelli con pressione diastolica da 80 a 90 mm Hg di gamma.

Secondo Ku, la nuova ricerca dovrebbe essere un campanello d’allarme per condurre ulteriori studi a lungo termine sugli effetti della pressione arteriosa sulla salute dei reni.

“Nella mia pratica come un nefrologo che vede bambini e adulti con malattie croniche, mi rendo conto che non si capisce come la pressione sanguigna impatta sulla salute delle persone nel lungo periodo così come dovremmo.”

Un controllo della pressione arteriosa rigoroso può fornire benefici a lungo termine per i pazienti affetti da malattie renali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: