Tecno

Sensore miniaturizzato misura la velocità del flusso di sangue sotto la pelle

Adv

La Kyocera Corporation di Kyoto, Giappone ha annunciato lo sviluppo di un sensore ottico piccolo per misurare il flusso di sangue nel tessuto sottocutaneo. Le letture da un dispositivo del genere possono aiutare a valutare come guarisce il tessuto ferito, fornire la prova di disidratazione, e rilevare il mal di montagna, ad esempio. Molte altre applicazioni potrebbero venire alla luce in quanto tale tipo di tecnologia sarà ampiamente disponibile per l’uso da parte del pubblico, a partire dal 2017. E tra i diversi impieghi possibili vi è anche la lettura del glucosio per il controllo del diabete.

Il sensore misura 1,6 mm di 3,2 millimetri e solo 1 mm di altezza. A causa delle sue dimensioni può essere integrato in vari dispositivi, inclusi smartphone e registratori di attività fisica indossabili. All’interno del sensore c’è un laser che emette luce sulla pelle, e un fotodiodo che converte la luce di ritorno dalla pelle in un segnale elettrico. Rilevando e misurando lo spostamento Doppler della luce di ritorno rispetto a quello che emette il laser, il dispositivo può estrapolare la velocità dei globuli rossi in movimento. Inoltre, la forza del segnale luminoso che rimbalza dalla pelle è indicativa della concentrazione di globuli rossi, un altro indicatore interessante.

Il sensore al momento funziona solo su alcune parti del corpo dove c’è un sacco di perfusione sanguigna vicino alla superficie della pelle. Questo include il lobo dell’orecchio, dita, e la fronte, e può includere altre parti del corpo. Potrà essere molto efficace per l’utilizzo sul fondo dei piedi nelle persone a rischio di neuropatia diabetica, per esempio.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: